Web Show Awards : Yotobi ha ragione a criticarli?

Yotobi, la critica agli Web Show Awards
Ecrit par

Yootbi, lo youtuber italiano di riferimento in fatto di recensioni di film, ha criticato pesantemente su Twitter gli ultimi Web Show Awards. Di più su meltybuzz.it.

A farci uscire per un momento dallo spettacolo colorato di mille lucine dei Web Show Awards, ci ha pensato Yotobi, lo youtuber divenuto famoso sul web grazie al suo canale dedicato - soprattutto - alle recensioni cinematografiche di film altrimenti sconosciuti per la maggior parte dei mortali. Yotobi, che non le manda certo a dire, ha scritto un tweet ieri sera, collegato con l'hashtag dei Web Show Awards, ma riferito a un pubblico più vasto: "E poi ci chiediamo perché Youtube al di fuori di Youtbe non venga preso sul serio". Per chi, come noi di meltybuzz.it, ha seguito in diretta i Web Show Awards, la frase di Yotobi merita una riflessione ulteriore.

I Web Show Awards sono stati, infatti, uno show sicuramente in secondo piano rispetto a quelli analoghi organizzati per star più importanti, e nulla di lontanamente paragonabile agli analoghi premi e riconoscimenti dedicati a star della televisione. La qualità degli sketch, dalle ormai inevitabili "scoregge" di Frank Matano citate nel freestyle con Clementino, al più riuscito matrimonio dei Fancazzisti Anonimi con Las Guinananes, è stata molto variabile, per non dire dubbia in certi momenti. L'organizzazione dello spettacolo ha tradito, in parte, le attese, e l'inutilità di mettere insieme celebrità così disparate come youtuber e fashion blogger, quali Chiara Biasi, la cui apparizione sul palco dei WSA è stata quasi istantanea. L'assenza di una direzione generale e imparziale, che non fosse direttamente collegata agli youtuber, ha reso poi poco credibile i premi assegnati.

Eppure, qualcosa degli Web Show Awards si può ancora salvare, a parer nostro. La scommessa - vinta, lo dicono i numeri del pubblico (oltre 5.000 le persone presenti) - di organizzare un evento unicamente appoggiandosi a personaggi nati e cresciuti attraverso il web. L'originalità dei duetti sul palco, come quello - pur esecrabile, per la qualità delle battute - tra Frank Matano e Clementino, o tra Valentina Vignali e Michael Righini, per non parlare dei Fancazzisti. La capacità di interpretare le tendenze del momento, e costruire uno spettacolo su misura non solo per la televisione - in questo caso, sostituita dalla diretta streaming - ma anche per il pubblico presente, coinvolto nell'atmosfera generale di festa grazie a speciali travestimenti da zombie. Dal nostro punto di vista, il commento di Yootbi ci ricorda che quello che il web - e specialmente Youtube - ha da offrire in termini di creatività non è riassumibile all'interno di un one-night-show, e che il cammino che resta da fare agli youtuber italiani prima di poter produrre un vero cambiamento culturale - sul web e non solo - è ancora molto, molto lungo. Per fortuna, all'originalità non serve un premio per farsi notare.

Le reazioni al tweet di Yotobi
Crediti: Web Show Awards, Archivio web