Tossicodipendenti con i parastinchi: L'intervista social

Tossicodipendenti con i parastinchi
Ecrit par

Questa settimana per la rubrica "3 domande a" abbiamo intervistato la pagina Facebook "Tossicodipendenti con i parastinchi". Scopri di cosa si tratta.

Da qualche anno si alzano voci sempre più critiche sul mondo del Calcio. Uno sport che per molti è ormai un sistema drogato dai soldi, dal potere e dalla corruzione. D'altronde visto da fuori sembra dare quest'impressione a causa di scandali sia italiani sia internazionali, che sembrano confermare questa visione negativa. Quello della FIFA è solo l'ultimo in ordine temporale di una lunga serie che include tra gli altri Calciopoli e il Calcioscommesse. Insomma visto questo scenario, non sembra stupire una certa disaffezione per quello che, almeno in Italia, era considerato lo sport nazionale e "il più bello del Mondo". Allo stesso tempo non si può negare che vedere la propria squadra del cuore segnare e vincere una partita riesca a dare una gioia infantile e effimera, per alcuni versi ancora più bella di quelle reali che caratterizzano i propri progetti di vita. Su questa lunghezza d'onda sembra essere la pagina Facebook "Tossicodipendenti con i parastichi", una community page che ironizza sui vizi del football italiano e internazionale, ma a volte anche della società dello spettacolo, attraverso immagini e video riproposta con le #traduzionitossiche. Nella nostra consueta rubrica 3 domande a, abbiamo intervistato l'ideatore di questa ironica fanpage, che si presenta così: "Sono Andrea Mamone un ragazzo di 21 anni, sono nato nel 1994 e studio formazione e sviluppo delle risorse umane all'Università di Roma Tre".

Come e quando ti è venuta l'idea di creare questa pagina? L'idea di creare la pagina mi è venne una notte in cui dovetti rimanere sveglio per sorvegliare il mio cane che non stava proprio bene. Era appena nato e non voleva per nessun motivo attaccarsi farsi allattare dalla mamma. In realtà era da molto tempo che desideravo sfogare la mia immaginazione.. diciamo che vidi nella creazione della pagina un modo per svuotare la mia testa e in mettere in pratica le mie idee. Ah.. oggi il mio cane sta benissimo e compirà 2 anni il 24 febbraio ..proprio come la pagina!

Qual è la definizione di personaggio tossicodipendente? Quali sono i personaggi che hai trattato di più? Per quanto riguarda il personaggio ''tossicodipendente'' c'è da chiarire una cosa. La mia è una vera e propria satira al mondo calcistico. Un calcio malato, un calcio tossico. Posso dire che il personaggio tossicodipendente è una parte di tutti noi. Alla fin fine siamo tutti ''dipendennti'' da qualcosa che ci ''intossica'' quotidianamente ( rapporti, vizi etc.). In questi (quasi) due anni di attività ho trattato tantissimi calciatori e non. Ho privilegiato i giocatori della Roma lo ammetto; l'immensità di smorfie buffe che mi forniscono è impareggiabile. È una critica che mi viene mossa spesso, soprattutto da ragazzi laziali che pensano sia romanista; la verità è che non ho mai tifato, visto il mio punto di vista sul calcio moderno.

Quali sono i post che hanno avuto più successo e quali sono i commenti più divertenti che hai ricevuto dai tuoi fan? Molti post hanno avuto un successo spropositato che non mi aspettavo, soprattutto alcuni miei video. Quelli penso siano quelli che i fan preferiscono di più insieme alle rubriche #RomanzoTossico e #MyMezzoInglese. Non posso scegliere un commento in particolare che mi abbia divertito. I fan in un modo o nell'altro riescono a farmi ridere ogni giorno. Amo il fatto che questo rapporto non sia soltanto unilaterale. Sorrisi in cambio di sorrisi e le giornate probabilmente diventano meno amare!

Crediti: web