The Pills e The Jackal : Dylan Dog Vittima degli Eventi su YouTube 

Luca Vecchi, Claudio di Biagio e Milena Vukotiç in una scena di Dylan Dog Vittima degli Eventi
Ecrit par

Da una collaborazione tra i The Pills e The Jackal e vien fuori “Dylan Dog Vittima degli Eventi”. Scopri di più su meltyBuzz.it

La collaborazione tra i The Jackal e i The Pills ha dato vita al film Dylan Dog Vittima degli Eventi. Il film è disponibile sul canale YouTube dei The Jackal, di cui ricordiamo "Gli effetti di Gomorra sulla gente", ed ha una durata di 50 minuti.Il medio metraggio con soggetto e sceneggiatura di Luca Vecchi e la regia di Claudio di Biagio è ispirata alle avventure di Dylan Dog, ma in chiave satirica e dissacrante. Raccontarlo non rende l’idea di ciò che è “Dylan Dog Vittima degli eventi”: una sceneggiatura davvero ricca e complessa, dei dialoghi profondi e complessi che danno spessore all’insieme del film. Molti gli omaggi da parte del duo Vecchi – Di Biagio all’interno del film che spaziano da “Rocky Horror Picture Show”, l’Amleto di Shakespeare e sul finire persino un omaggio al pittore surrealista Magritte. A dare brio alla narrazione troviamo Luca Vecchi che interpreta un esilarante Groucho Marx nelle vesti di improbabile assistente di Dylan Dog e la partecipazione di due nomi molto noti al grande pubblico: Milena Vukotiç ed Alessandro Haber . La splendida fotografia che immortala Roma, così come la colonna sonora iniziale è fortemente suggestionante e simile a “La Grande Bellezza”, la regia ed il montaggio così come tutti i particolari degli aspetti tecnici sono curate alla perfezione. Un film che meriterebbe il grande schermo, molto più di alcuni che hanno veramente portato nelle sale, un misto di ironia, intelligenza e paradosso che sono la chiave vincente di Dylan Dog Vittima degli Eventi.

Chi conosce gli youtuber in questione è comunue abituato a vedere dei filmati e delle situazioniche solo ad uno sguardo superficiiale possono apparire come "demenziali", ma che invece rivelano un'accuratezza nel dettaglio e nella scelta della parola degna di grandi scrittori. Un’altra cosa da sottolineare, importantissima, è che per la maggior parte delle quote il film è stato prodotto con il sistema del crowd funding: questa è la dimostrazione che i giovani riescono a fare delle cose di qualità che vengono apprezzate e riconosciute, in barba ai vari “choosy” , “bamboccioni” e le solite sparate da parte di chi non si rende conto che i giovani italiani hanno davvero voglia di fare e possiedono la cultura per produrre contenuti di qualità.

Crediti: The Jackal Facebook