Selvaggia Lucarelli vs Fabrizio Corona: "Marchetta a Rainbow Magicland"

Selvaggia Lucarelli vs Fabrizio Corona
Ecrit par

Selvaggia Lucarelli prepara un nuovo post polemico contro Fabrizio Corona. Il re dei paparazzi è stato avvistato in un parco divertimenti col figlio, ma era un servizio concordato? Scopri di più su meltyBuzz.

La web influencer torna a colpire uno dei suoi bersagli preferiti, il redivivo Fabrizio Corona (scopri i commenti alla sua liberazione). Il re dei paparazzi è stato avvistato in un parco divertimenti romano (Rainbow Magicland) insieme al figlio per passare una giornata di svago. Ma qualcosa non torna alla Lucarelli, che nota l’insistenza di close-up sul nome del parco e le pose “studiate” di Corona, che sembrava tutto tranne che un papà colto alla sprovvista. E come mai i due si trovavano fuori Milano? Sentite cosa scrive Selvaggia su Facebook. “Questo servizio su Corona è stupendo. Intanto perché scopriamo che Corona con 5 anni da scontare ormai può portare il figlio non in un parco vicino Milano (Leolandia o Gardaland non andavano bene?) ma vicino Roma, dove ha trascorso un weekend dormendo a casa di un'amica o fidanzata non s'è capito. Del resto, il parco evidentemente non è scelto a caso, visto che ci sono foto con nome del parco e richiami nel pezzo. Un marchettone di proporzioni bibliche”.

Ma non è tutto. L’esclusiva di Chi sembra tutt’altro che qualche istante rubato a un padre che sta qualche ora con il figlio. Corona sembra essere d’accordo con i fotografi. La Lucarelli rincara la dose: “Testuale: "Non sono mancati i paparazzi a cui Corona non s'è negato pur rimanendo in silenzio". Certo. Perché mica era un servizio concordato. No. Era una gita spontanea col figlio, intima, un momento privato nel suo percorso di rinascita. Del resto, a parte la marchetta al parco e la maglia col marchio di Corona in bella vista, era tutto spontaneo. Anche il fatto di cambiare orologio tra un hamburger e una montagna russa (prima un Rolex daytona da qualche migliaia di euro, poi un orologio di plastica di qualche marchio amico), è un grande classico delle gite al parco con i nostri figli. Mi domando cosa ne pensino le famiglie di tutti i carcerati di serie b che si devono sudare pure i permessi per i funerali di parenti e amici. Bah”. E meno male che la legge è uguale per tutti.

Crediti: Facebook, Archivio web, GDS