Selvaggia Lucarelli vs YouTube Italia: Seguito di fessi, Claudio Di Biagio non sa l'italiano!

Selvaggia Lucarelli | Claudio Di Biagio | #SelvaggiaNonMentire
Ecrit par

Lamentarsi delle offese ma essere la prima a lanciarne di pesanti: continua a giocare a colpi di controsenso e vittimismo la blogger Selvaggia Lucarelli. Complice l'hashtag #SelvaggiaNonMentire. Leggi le dichiarazioni su meltyBuzz.it!

Selvaggia Lucarelli ha cambiato strategia. Se nelle scorse ore lamentava di essere pesantemente attaccata da alcuni fan di YouTube per via dell'endorsement a Francesco Sole (spacciato come un talento nato senza alcuna spintarella o "padrini misteriosi"), questa volta la blogger ha deciso di rispondere con un lunghissimo post Facebook nel quale lei stessa è la prima ad attaccare ed offendere alcuni degli youtuber fra i più noti coinvolti nella protesta#SelvaggiaNonMentire. Andiamo insieme a leggere i passi più salienti delle sue dichiarazioni: "A parte che ci sarebbe quel piccolo particolare che io sulla mia pagina Facebook posso sponsorizzare pure Fioccodineve e sostenere che sia la nuova Mina perchè mi gira così e saranno pure fatti miei. Tutto quello che ora dirò, al contrario delle vostre elucubrazioni onanistiche (prendete lo Zanichelli che vi fa bene, cari youtuber, perché vi ho sentito parlare nei vostri video e con l’italiano siamo messi maluccio) , è ampiamente dimostrabile con una normale ricerca su google".

Selvaggia Lucarelli vs YouTube Italia: Seguito di fessi, Claudio Di Biagio non sa l'italiano!

Il vittimismo - giustificato? - di Selvaggia Lucarelli continua con una seconda offesa: "La verità è banale e mi spiace per i video e le pippe mentali al limite della paranoia che ho visto giro: Francesco Sole mi è simpatico senza ragioni misteriose. L’ho scoperto sul web: è venuto a sorpresa alla presentazione del mio libro a giugno a Modena aspettando un’ora che finissi di parlare con la gente. Poi non l’ho più visto e ho fatto un post carino per augurargli il meglio. Chi ci vede altro o è in cattiva fede o rosica o si droga. E si vuole fare un po’ di pubblicità spendendo il mio nome". Ma l'attacco diretto agli youtuber arriva qualche rigo più giù, dove ammette: "Il problema serio è che gli youtuber spocchiosi e esaltati di cui ho visto i video stamattina, non sono quindicenni. Sono ragazzotti adulti che hanno fomentato una massa di capre ignoranti nel caso più drammatico, di lobotomizzati nel peggiore dei casi e di ingenui nel migliore, che non sanno minimamente di cosa si stia parlando e della pericolosità di una campagna d’odio di queste proporzioni. Ma li avete visti? Video su youtube da 15 minuti ciascuno in cui youtuber parlano a quei fessi che li seguono con la solennità da messaggio alla nazione...".

E se gli attacchi piuttosto diretti non fossero abbastanza, la Lucarelli lancia lo sfottò sulla presunta poca dialettica che gli youtuber italiani avrebbero avuto nei video di protesta chiamando in causa Claudio Di Biagio: "Il tutto con un italiano zoppicante... Claudio Di Biagio si dice scandalizzato all’idea che il libro di Sole sia nella sezione narrativa, aggiungendo che “noi che facciamo parte del progetto Sole non siamo ETICI”. Di Biagio, compra qualche libro di filosofia, lo trovi nella sezione “saggistica” e “filosofia”, che “non siete etici” non vuol dire nulla. E leggili ‘sti libri che sono nella sezione narrativa con Sole, perché hai tre vocaboli in repertorio e li usi pure male, per cui più che distruggere Sole io al posto tuo mi preoccuperei di costruire te stesso, di acculturarti, di puntare su di te anziché puntare il dito su un altro". Insomma: se dev'essere guerra, che guerra sia! [Qui di seguito il post integrale pubblicato da Selvaggia Lucarelli su Facebook]

Selvaggia Lucarelli su #SelvaggiaNonMentire - Post del 15 dicembre
Crediti: rai.tv, facebook