Se i quadri potessero parlare: La pagina che spopola su Facebook

Venere di Urbino - Tiziano
Ecrit par

Cosa pensano e cosa si raccontano i personaggi dei più famosi quadri della storia dell'arte? Stefano Guerrera se l'è immaginato e ha creato una cliccatissima pagina Facebook. Scopri di più su meltybuzz.it.

La storia dell'arte come non l'avete mai vista. Sarà stato lo scalpore della riforma dell'arte di poche settimane fa a ispirare l'idea di Stefano Guerrera? Chi lo sa. Sappiamo solo che il 18 ottobre 2013, lo studente di Roma ha creato una pagina Facebook dal nome "Se i quadri potessero parlare" e nel giro di pochi giorni i fan sono diventati ben 148 mila. E il numero continua a crescere. Saranno i nostalgici che vorrebbero la storia dell'arte ancora nei programmi di scuola, saranno le frasi simpatiche che caratterizzano ogni quadro: tutti non parlano d'altro e rimangono in attesa del prossimo capolavoro "modificato". È stata La Dama con l'Ermellino di Leonardo Da Vinci a inaugurare la bizzarra galleria d'arte, la quale, stringendo il dolce animaletto tra le mani, pensa "Appena schiatta me faccio 'na pelliccia che te dico fermate". Tra i volti noti, troviamo la famosissima Ragazza con l'Orecchino di Perla di Veermer che finalmente si confida "Che poi a me 'st'orecchino manco me piace". E poi via, una carrellata di tele una più famosa dell'altra: Botticelli, Picasso, Raffaello. Insomma, un modo divertente per giocare con la storia dell'arte, che ci ricorda molto l'idea del Tumblr The Carter Family: Beyoncé rivoluziona la storia dell'arte.

Se i quadri potessero parlare: La pagina che spopola su Facebook - photo
Se i quadri potessero parlare: La pagina che spopola su Facebook - photo
Se i quadri potessero parlare: La pagina che spopola su Facebook - photo
Se i quadri potessero parlare: La pagina che spopola su Facebook - photo
Se i quadri potessero parlare: La pagina che spopola su Facebook - photo
Crediti: Archivio web, facebook, Stefano Guerrera, likefilmsdotorg