Sanremo 2016: Arisa, look e capelli derisi su Twitter

Look e capelli Arisa a Sanremo 2016
Ecrit par

Il 9 febbraio, al debutto di Sanremo 2016, Arisa ha cantato “Guardando il cielo”. Ma lo spietato Twitter commenta i suoi capelli.

È tornata sul palco dell’Ariston dopo la vittoria del 2014 e il vallettaggio del 2015. Ora, nel 2016, a condurre è stata sostituita da Gabriel Garko (!) ma è stata ricollocata nel suo contesto naturale, quello della musica. Arisa si è esibita con la sua “Guardando il cielo” (qui video e testo). Ma, nonostante una parte dei cinguettii apprezzi la sua voce soave e particolare, sono in molti a scagliarsi contro le sue discutibili scelte di stile. La cantante ha abbinato i capelli corti, spettinati e rossicci a una specie di abito-maglione della nonna a trecce. Che non ha riscosso successo. @AmbraPierantoni, per esempio, non va molto per il sottile: “Era più bella quando era brutta. Preferisco non proferire parola sul maglione, sono ancora sconvolta”. Sulla stessa linea, @francescoporcy: “#Arisa indossa uno di quei capi Intimissimi o Tezenis che non riesci mai a capire se è intimo oppure no”; “#Arisa dopo le cazzate del costumista canta con il maglioncino della nonna per non offendere la sensibilità del pubblico” prosegue @Saelvig.

>>>Scopri i commenti al look melanzana/Rossana di Deborah Iurato e quello trash-tigrato di Madalina Ghenea

Sanremo 2016: Arisa, look e capelli derisi su Twitter

Qualcuno spieghi ad #Arisa che questo era l'outfit per quando doveva cantare "la notte"” commenta @AleRenda; “Io voglio sapere chi ha assunto la stylist di Madalina e Arisa. La cantante di Dragostea din tei nel 2003 era più fashion” fa eco @ValeriaSanpaolo. “Il look di Arisa mi ricorda Lady Gaga chiamata per gli Oscar mentre lavava i piatti” tuona @Punk14bz. E non c'è maggior pietà sui capelli. Anzi. "Arisa con taglio di capelli di quando andavo alle medie nel 1987" twitta @Camba360; E @RudyBandiera: "I capelli di Arisa mi ricordano quelli di Mirigliani il patron di miss Italia. No?" . Non c’è davvero nessuno disposto a spendere una parola buona per l’aspetto della povera Arisa.

Crediti: Rai, Rai.tv