Salvini: "Via quel clandestino dalla nostra Chiesa!" Ma si trattava di Gesù

Matteo Salvini Gesù
Ecrit par

IL CORRIERE DELLA RESA – Clamoroso errore commesso da Matteo Salvini nella battaglia per la difesa della razza italiana. Leggi di più sull'incredibile incidente diplomatico con il Vaticano.

Capita a tutti di sbagliare, anche ai migliori, quindi figuriamoci se non capita anche a Matteo Salvini. Quello che è accaduto nella giornata di ieri, però, potrebbe avere forti ripercussioni sulle prossime campagne elettorali, sia nelle regionali di maggio che ancor di più nelle prossime politiche. Mettersi contro il voto cattolico potrebbe essere un grave problema per il progetto di Matteo Salvini di sfondare anche al Sud con le liste gemelle della Lega chiamate "Noi con Salvini" e "Sindrome di Stoccolma". Procediamo, però, raccontando con ordine i passaggi che hanno contribuito a creare l'equivoco più clamoroso accaduto in Padania dai tempi in cui scambiarono Formigoni per uno statista.

Prima di leggere l'articolo, fate una pausa con le Sigarette Nuovo Testamento
Salvini: "Via quel clandestino dalla nostra Chiesa!" Ma si trattava di Gesù

Tutto è iniziato con la denuncia di un vecchio militante leghista, uno di quelli ancora legati all'iconografia celtica. Il militante brianzolo aveva letto su Facebook gli strali di Matteo Salvini a favore della castrazione chimica ed aveva pensato di trovare alcuni pedofili da consegnare personalmente al leader leghista senza alcun processo (del resto se nel progetto di Salvini c'è la possibilità di sparare a chiunque entri in casa tua, perché non consegnare i colpevoli direttamente al leader senza passare dai giudici? ). "Quale posto migliore, per cercare un pedofilo, della Chiesa del Paese? " aveva pensato lo storico militante, e si era addentrato con circospezione nell'edificio ecclesiastico.

Il nostro amato leader Matteo Salvini in una delle sue gag più riuscite
Salvini: "Via quel clandestino dalla nostra Chiesa!" Ma si trattava di Gesù

Il militante si era messo in un angolo e fingeva di pregare, ma in realtà ascoltava le conversazioni delle persone presenti in Chiesa. Il dialogo tra due ragazzi nelle prime file aveva catturato la sua curiosità, perché stavano discorrendo sull'origine palestinese di una delle persone presenti nella stanza. Convinto del fatto che un musulmano in Chiesa fosse un fatto ben più importante della sua missione di acchiappa-pedofili, il signor Brambilla è uscito immediatamente dall'edificio ed ha raccontato sul gruppo Facebook "Benzinaio Stacchio uno di noi" la sua incredibile esperienza. Nel giro di pochi minuti, tanti altri militanti hanno esposto esperienze analoghe ed il volume dei commenti ha attirato l'attenzione di Matteo Salvini in persona, che si è trovato di fronte alla sconvolgente notizia: le Chiese del nord Italia, a quanto pare, erano invase da terroristi palestinesi, che tentavano di mimetizzarsi grazie ai caratteri somatici simili a quelli occidentali ed erano spinti all'azione da addominali incredibilmente scolpiti e levigati.

Salvini chiama a raccolta i suoi davanti al Duomo di Milano
Salvini: "Via quel clandestino dalla nostra Chiesa!" Ma si trattava di Gesù

Allarmato da questa situazione angosciante, Salvini ha radunato tutti i suoi fan davanti al Duomo di Milano e si è presentato all'appuntamento con l'intento di espellere personalmente il pericoloso clandestino presente lì dentro, allo scopo di iniziare una battaglia per mandarli via tutti. La realtà che ha trovato davanti a sè, però, era ben peggiore del previsto: il clandestino in questione era Gesù e la situazione si è fatta di colpo davvero pericolosa per Salvini. Non a causa di possibili attentati, ma perché le gerarchie cattoliche, per dirla con un eufemismo, non hanno preso benissimo un raduno leghista nato con l'obiettivo di asportare il crocifisso dal Duomo di Milano. Perdere il voto cattolico sarebbe stato estremamente nefasto per le ambizioni politiche di Salvini e per questa ragione il leader leghista ha raddoppiato il suo impegno per riconquistare i voti persi al sud a causa di questa infelice sparata. L'idea avuta da Salvini per risolvere questo increscioso equivoco è geniale e dovrebbe ammorbidire la posizione della Chiesa: sostituire l'otto per mille con il cinque per cento. Secondo voi questa mossa porterà i suoi frutti? Beh, gli italiani hanno memoria corta, potrebbe funzionare. Se hanno creato circoli "Noi con Salvini" a Napoli nonostante il video che potete vedere qui sotto...

Matteo Salvini esprime con garbo la sua moderata avversione nei confronti dei napoletani
Salvini: "Via quel clandestino dalla nostra Chiesa!" Ma si trattava di Gesù
Crediti: Woody Allen, GubbyTube, Huffington Post, web , ilgiorno.it