Salvini non si è ancora visto a Tor Sapienza: La preoccupazione degli amici

Matteo Salvini immigrati
Ecrit par

Il Corriere della Resa - A Roma è guerra tra poveri nel quartiere Tor Sapienza, con gli abitanti che protestano contro la presenza degli immigrati. Dov'è Matteo Salvini? Perchè non è ancora arrivato? Il mistero avvolge la questione.

A Roma il quartiere Tor Sapienza si è trasformato in una polveriera, dopo che alcuni cittadini inferociti per le difficoltà nella convivenza con gli stranieri della zona ha assaltato il centro di accoglienza con bombe carta nella notte tra il 10 e l'11 novembre. Immediatamente la politica si è mossa per risolvere il problema, andando nel quartiere a promettere politiche migliori per l'integrazione e maggiore vicinanza dello Stato, spiegando contemporaneamente che in realtà l'Italia è tra i Paesi Europei con meno immigrati in percentuale e quindi non dobbiamo sentirci accerchiati. Ovviamente scherzavo! Figuriamoci se in un Paese in cui la guerra tra poveri viene incitata e le campagne di odio e di terrore servono per pescare all'amo gli elettori, ai politici di molti schieramenti poteva sfuggire un'occasione del genere.

Scontri a Tor Sapienza. O forse allo Stadio Olimpico, non ricordo.
Salvini non si è ancora visto a Tor Sapienza: La preoccupazione degli amici

Avete presente quando vi trovate in una festa e manca un vostro grande amico, quello che vi fa divertire e la cui assenza pesa sul divertimento generale? E tutti si girano verso la porta d'ingresso aspettando il suo arrivo? Bene, la stessa cosa sta avvenendo con Matteo Salvini. Dov'è? Tutti lo attendono ma non arriva. Sono già due volte che promette che a breve arriverà, ma non si vede. Gli altri sono già arrivati, tra l'altro, e questa assenza sta straziando tutti gli amici, che si stanno preoccupando da una settimana. Paola Taverna del Movimento 5 Stelle, ad esempio, è andata ed è stata ampiamente contestata dalla cittadinanza. La parlamentare ha risposto con un surreale “Nun te poi permette de chiamarmi politica” (avrà visto una mostra di Magritte recentemente).

Paola Taverna sfida persone del luogo in una gara di freestyle coatto
Salvini non si è ancora visto a Tor Sapienza: La preoccupazione degli amici

C'è da dire, però, che non tutti i politici sono stati così bersagliati, quindi il fatto che la popolazione presente sia totalmente apartitica e non voglia politici che sfruttino la situazione per tornaconti elettorali non è forse così vero. Giorgia Meloni, ad esempio, ha dimostrato di aver già brillantemente superato la delusione per la sconfitta nella semifinale mondiale di coattaggine (proprio contro Paola Taverna) e si è presentata a Tor Sapienza spigliata e allegra, circondata da una serie di bodyguard, arringando la folla col suo megafono autarchico. Anche per Borghezio all'inizio l'accoglienza è stata buona (se escludiamo l'imbarazzo per il suo incipit “Sono felice di essere qui a Parma”), ma il feeling coi razzisti locali è scemato quando è stato sorpreso in una vicina trattoria a mangiare la carbonara col cucchiaio.

Quando c'era lui gli immigrati venivano picchiati in orario
Salvini non si è ancora visto a Tor Sapienza: La preoccupazione degli amici

Ma torniamo a Matteo Salvini. Dov'è? Manca soltanto lui. Gli amici sono davvero preoccupati, a questo punto. La sua dichiarazione ufficiale è che scenderà a Roma dopo le elezioni in Emilia Romagna, ma serpeggiano le teorie più assurde riguardo questa fragorosa assenza. Alcuni dicono che stia facendo montare il cacciabufali davanti alla macchina, per falciare con maggiore efficacia i contestatori. Secondo altri, meglio informati, si sta facendo fare la felpa con la scritta ROMA, per essere accolto meglio, ma l'intellettuale della Lega che scrive i discorsi per tutti si sarebbe trovato in difficoltà con la divisione in sillabe del testo da dare all'azienda che deve produrre la maglia. Quali lettere mettere a destra della zip e quali a sinistra? Dopo un brainstorming di giorni e giorni con tutte le eminenze principali della Lega, il decisionista Salvini avrebbe sciolto il nodo di Gordio: maglia a girocollo, così non ci si sbaglia.

Eppure la felpa "Emilia" era riuscita tanto bene

In realtà la situazione sarebbe molto più semplice: Matteo Salvini aveva intenzione di riproporre un classico del suo repertorio. Ad un politico in grande ascesa che fece il suo esordio con la geniale idea di “Carrozze metro riservate ai milanesi, su cui non possono salire gli stranieri”, pare sia sembrato ovvio riproporre il suo cavallo di battaglia anche a Tor Sapienza. Il problema sarebbe sorto quando gli hanno comunicato che a Tor Sapienza non c'è la metro, quindi sta cercando una nuova strategia per arrivare a Roma con la giusta forza mediatica. Anche se, secondo noi, Matteo Salvini si sta semplicemente autoflagellando perchè ha scoperto questo.

Hanno appena detto a Salvini che 226 persone col suo cognome sono emigrate in America
Salvini non si è ancora visto a Tor Sapienza: La preoccupazione degli amici
Crediti: web