Roger Federer: Il selfie negato al Roland Garros

Il selfie negato da Roger Federer al Roland Garros
Ecrit par

Roger Federer è stato avvicinato sul terreno di gioco centrale del Roland Garros da un fan che voleva farsi un selfie con lui. Ma Federer non solo glielo ha negato, ma ha anche strigliato gli organizzatori del torneo, scatenando le polemiche sulla sicurezza degli atleti.

"No, non sono stato felice neppure un attimo di quel che è accaduto". Più della gioia per un ottimo esordio (3-0 al colombiano Falla), sull'umore di Roger Federer può la rabbia per un episodio imprevisto. Dopo aver salutato al microfono il pubblico del Roland Garros, il campione svizzero è stato avvicinato da un imprudente e giovane fan, che dopo aver scavalcato le barriere voleva farsi un selfie con il suo idolo. “Non deve succedere. Sul campo è dove lavoriamo, dovremmo poterci sentire sicuri", ha commentato Roger Federer. "Mi è accaduto anche ieri in allenamento". Lo svizzero non ha dato al fan un briciolo di soddisfazione, richiamando l'attenzione degli addetti alla sicurezza che lo hanno allontanato. La polemica sulla sicurezza dei giocatori ha così monopolizzato l'attenzione mediatica di una prima giornata priva di grandi emozioni al Roland Garros, tanto che è dovuto intervenire il direttore del torneo Gilbert Ysern per commentare l'accaduto davanti alla stampa: "Federer aveva tutte le ragioni di essere scontento. Ma non si tratta neppure della fine del mondo, non bisogna esagerare. E' vero che l'organizzazione ha commesso un errore e faremo di tutto per correggere questa faglia". Il direttore ha avvicinato Federer negli spogliatoi per scusarsi personalmente, e ha condannato anche le invasioni di campo dei bambini durante il Kid's Day di sabato 23 maggio. Il ragazzino che ha avvicinato Federer oggi sarà privato di accesso al torneo per tutta la durata del Roland Garros. Guarda su meltybuzz il video del selfie negato! (Nicola Accardo, Roland Garros, Parigi)

Roger Federer: Il selfie negato al Roland Garros
Crediti: eurosport