Ritals: L'intervista esclusiva a Svevo sul video Roma vs Parigi

Svevo mostra Roma all'incredulo parigino
Ecrit par

Svevo Moltrasio, l'autore di Ritals, ha risposto a qualche nostra domanda sul video virale che fa il confronto tra Roma e Parigi.

Abbiamo avuto l'onore di fare due chiacchiere con Svevo Moltrasio, la mente che sta dietro a Ritals, la web serie che ci racconta le peripezie di Svevo, appunto, e Federico, due giovani italiani emigrati a Parigi. La creatura si avvia alla conclusione della prima stagione (mancano due episodi) ed ha saputo ritagliarsi una certa popolarità sia in Italia che in Francia. I video sono molto visti (soprattutto il primo, Il Bidet, ha raggiunto risultati più che lusinghieri su YouTube) e sono davvero tante le occasioni in cui i due protagonisti hanno la possibilità di mostrare il loro lavoro, sia grazie a dei tour nelle università che, più prosaicamente, nei vari aperitivi a tema che organizzano nella Ville Lumière. La cosa che non avevano immaginato, però, è che un bellissimo frammento in cui Svevo, fiero della sua romanità, sfata il mito diffusissimo a Parigi di una presunta piccolezza del centro storico della Città Eterna, diventasse virale in maniera spropositata e rendesse noti i Ritals ad un pubblico vastissimo che magari non conosceva neppure la web serie. Abbiamo fatto alcune domande a Svevo per saperne di più di quest'ondata di improvvisa viralità.

Il bellissimo video sul centro storico di Roma

Ciao Svevo. Come è nata l'idea di pubblicare quel frammento che poi si è rivelato così apprezzato? Il video era un extra pubblicato giusto sulla nostra pagina Facebook. Non avevo neppure pensato di metterlo sul nostro canale YouTube. Non perché non lo amassi, anzi, visto che si trattava di uno sketch che avevo scritto sin da quando abbiamo iniziato la nostra serie mesi fa. Era davvero un sassolino che volevo togliermi dalla scarpa. Ma ho preferito montarlo a sé e non nell'episodio per il quale era stato pensato (La festa), perché credevo sarebbe stato un po' fuori luogo e avrebbe tolto ritmo.

Il diciottesimo episodio di Ritals - La festa

E la viralità come è arrivata? Non avrei mai immaginato potesse diventare virale. Pensate che nel video non abbiamo messo neppure i nostri crediti. Errore imperdonabile. Anche i sottotitoli in italiano, per dire, li ho messi giusto qualche minuto prima di pubblicare il tutto. È stata davvero una sorpresa. Immediata perché già dopo pochi minuti c'erano decine e poi centinaia di condivisioni. Poi ne abbiamo perso il controllo a causa di utenti che hanno scaricato il video dal nostro YouTube per ricaricarlo sulle loro pagine Facebook, spesso senza neanche citarci. Noi abbiamo oltrepassato le 300.000 visualizzazioni, ma so di altre pagine che hanno raggiunto quasi il milione.

Se volete saperne di più sul progetto, ecco la conferenza dei Ritals alla Sorbona

Siete felici del risultato? O ci sono stati anche aspetti negativi derivanti da tanta improvvisa notorietà? Chiaramente il frammento ci ha portato visibilità e molti ci hanno scoperto solo ora. Allo stesso tempo il video è stato anche frainteso da chi non ha potuto o voluto contestualizzarlo e l'ha visto come un video a sé. Mi sono arrivati insulti in forma privata da sconosciuti che mi hanno dato del “coatto, burino, arrogante, fascista”. Mi hanno accusato di non parlare dei veri problemi di Roma, dei trasporti, del degrado, dell'illegalità, e via dicendo. All'inizio ho provato a rispondere, invitando i critici ad informarsi, a guardare anche gli altri video della serie, per capire che io interpreto proprio un personaggio che è il classico romano, arrogante e anche burino. Ma è impossibile stare dietro a tutti. Trovo comunque di una stupidità ingiustificabile il pretendere che qualcuno parli di altro, che cambi soggetto. Io ho voluto parlare delle dimensioni del centro storico di Roma perché è quello che i francesi sottolineano quando la visitano. Prima ancora dei trasporti o del degrado, anzi spesso non li notano proprio. Quello che notano è che “Roma si è bella, ma piccola, te le giri in due giorni”. E questo a me non va giù. Comunque tutto questo mi ha dato un spunto per fare un video simile ma rivolto ai romani. Ci sto pensando su, intanto preparo i fogli.

Crediti: Ritals, YouTube