Renzi grazia Berlusconi : Tutte le norme inserite di nascosto dall'esecutivo

Renzi Berlusconi
Ecrit par

CORRIERE DELLA RESA - La notizia politica della settimana è stata la scoperta di una legge ad personam per Berlusconi all'interno della delega fiscale. Ma è l'unica? Il Corriere della Resa è riuscito a scoprire tutte le norme infilate di nascosto negli ultimi decreti varati dall'esecutivo!

Nel testo sulla materia fiscale varato dal Consiglio dei Ministri del 24 dicembre 2014 è spuntato un comma salva Berlusconi davvero miracoloso: difatti nessuno lo ha scritto, nessuno si era accorto della sua esistenza e nessuno l'ha votato! Il comma, che prevede la depenalizzazione dei reati fiscali se l'evasione è inferiore al 3% del reddito (guarda un po' proprio il motivo per cui Berlusconi è costretto, per alcune ore a settimana, a giocare a carte con dei suoi coetanei poveri invece che a portare avanti i classici giochini con ragazze di vent'anni), è spuntato all'interno del provvedimento in maniera del tutto spontanea. Ci troviamo di fronte ad un fatto davvero spiacevole: nonostante l'impegno del Governo, qualcuno è riuscito ad accorgersi di quel comma. Per il momento sembra che Renzi l'abbia stoppato, ma confidiamo nel fatto che il Parlamento riuscirà ad approvarlo inserito in qualche altra legge, magari sulla tutela del camoscio. Ma si tratta di un caso isolato? Assolutamente no! Ecco altri esempi eccellenti di norme approvate in maniera truffaldina senza che nessuno se ne accorgesse!

Silvio Berlusconi turbato dalla piega a lui poco favorevole che sta prendendo il Patto del Nazareno

Pari opportunità – La norma ad hoc che nessuno conosce, inserita nel Jobs Act tra il cancellamento dell'articolo 18 e la reintroduzione della schiavitù, prevede il divieto di discriminare le donne per motivi estetici. D'ora in poi, quando si descriveranno delle donne, in tutti i contesti nazionali (da un tema delle medie alla voce narrante di un film) sarà obbligatorio ricordare che tutte le donne sono uguali da un punto di vista estetico, e comunque più brutte di Maria Elena Boschi. Chi dovesse innalzare qualche donna, da un punto di vista estetico, al di sopra di Maria Elena Boschi, verrà punito con due anni di visione forzata consecutiva de La Prova del Cuoco.

Maria Elena Boschi alla cerimonia di beatificazione di Amintore Fanfani

Democrazia – L'Italia è il Paese degli oligopoli che cristallizzano la crescita e favoriscono il nepotismo a scapito del merito. Per questa ragione, nell'Italicum, è stato inserito un comma dalla dubbia paternità secondo il quale sarà impossibile avere contemporaneamente più di un incarico pubblico, di qualsiasi natura questi siano. L'unica eccezione riguarda il caso, estremamente remoto, in cui un ex Sindaco di Firenze, di sesso maschile, fosse riuscito a diventare Presidente del Consiglio entro il 31/12/2014 ad un'età inferiore ai 40 anni. Il comma, applicabile solo ai destrimani, consentirà all'eventuale beneficiario di cumulare la carica di Presidente del Consiglio e Presidente della Repubblica fino alla morte dell'interessato. Qualora la morte dovesse avvenire prima dei 120 anni di età, il privilegio verrà concesso in via ereditaria, ma in ogni caso per un periodo di tempo non superiore ai tre secoli.

Matteo Renzi un secondo prima di togliersi la camicia ed iniziare a mietere il grano

Esenzioni fiscali – Le attività commerciali riconducibili a proprietà ecclesiastiche, qualora ospitino al loro interno anche opere caritatevoli o di carattere sociale, avranno l'esenzione fiscale totale anche per la porzione di attività non caritatevoli ospitate nello stesso stabile. In sintesi, se in un albergo a 5 stelle di proprietà vaticana viene ospitata, al primo piano, una mensa dei poveri di 12 mq, la proprietà potrà non pagare le tasse su tutta la struttura, anche sulla parte commerciale. Ah, e questa legge esiste davvero.

Crediti: web