Ramadan: La Tesco propone le Pringles al bacon ai musulmani (FOTO)

La catena di supermercati Tesco
Ecrit par

Il Ramadan è un momento di sacrificio per i musulmani e "giustamente" quelli di Tesco hanno pensato di aiutarli proponendogli delle patatine al bacon… Scopri di più su meltyBuzz!

Il Ramadan è una tradizione legata al culto islamico molto rispettata ed ogni anno milioni di fedeli digiunano durante le ore del giorno nel rispetto della loro religione. Col passare degli anni e l’evolversi dei sistemi di distribuzione ormai quasi tutti i supermercati offrono prodotti adatti alle particolari esigenze dei musulmani, soprattutto nei periodi più difficili da gestire come questo. La famosa catena di supermercati inglese Tesco non ha voluto essere da meno e, per adattarsi a questo periodo di Ramadan, ha lanciato una promozione nei propri negozi proponendo un nuovo gusto di patatine. Il prodotto in questione è stato messo in bella mostra con tanto di augurio “Ramadan Mubarak” (buon Ramadan). Peccato che le patatine in questione fossero al gusto di… bacon!

La foto, scattata da un cliente musulmano in uno dei negozi Tesco di Londra, ha fatto il giro del web diventando immediatamente virale. Fra l’ironia e lo stupore, i commenti degli utenti sui social sono stati pressoché unanimi: “ma non lo sapevate che i musulmani non mangiano carne di maiale? ”. Il “paparazzo” improvvisato che ha scovato la “bizzarra” promozione non si è detto offeso dall’iniziativa di Tesco, definendola anzi “diverente”. Meglio così, avranno pensato quelli del management di Tesco dopo una svista che poteva costargli cara: “Siamo orgogliosi di offrire una vasta gamma di prodotti per soddisfare le necessità dei nostri clienti durante il Ramadan. Ci rendiamo conto che queste patatine non erano non sono state collocate nella posizione più adatta e i nostri colleghi hanno provveduto a spostarle”, è stato il commento a caldo dello staff di Tesco. Tutto si è concluso per il meglio e speriamo che in futuro gli inglesi non facciano altre figure da “porci”.

Crediti: i100.independent.co.uk, archivi web