Da Provenzano a Bud Spencer: l'attualità raccontata dalle copertine di Filippo Facci

L'attualità raccontata da Filippo Facci (su Facebook)
Ecrit par

Se vi eravate persi eventi storici, morti vip o casi eclatanti degli ultimi mesi, vi suggeriamo di fare un salto sul profilo Facebook del giornalista di "Libero" Filippo Facci.

Meglio di una mostra fotografica sul Secolo che stiamo vivendo, c'è solo il profilo Facebook di Filippo Facci. L'istrionico giornalista di Libero, noto ai più per le sue scazzottate social con Fedez, il mascellone e i colpi di sole (e di genio), tra una scalata e l'altra offre abitualmente ai suoi seguaci del web una panoramica dei fatti più importanti d'attualità con le sue bellissime e artistiche copertine. Alcune sono meramente evocative di eventi, morti celebri o trending topics, altre sembrano nascondere un coinvolgimento emotivo o quantomeno un giudizio di valore da parte di Facci. L'ultima non poteva non essere dedicata alla scomparsa del boss mafioso Bernardo Provenzano, ma ve ne sono state anche in onore di Cassius Clay, Johann Cruyff, Giorgio Albertazzi, Bud Spencer; Filippo Facci ne ha dedicate molte a due highlander della politica come Silvio "Breaking Bad" Berlusconi (due dita rotte e un cuore matto), e il compianto profeta dei Radicali Marco Pannella.

Non poteva mancare uno scatto anche per il suo acerrimo nemico Luigi De Magistris, confermato alla guida della città di Napoli (sua bestia nera) alle Amministrative e ritratto mentre aizza la folla partenopea. C'è spazio anche per una finestra sulla politica estera: in primis la Brexit - con gli "extracomunitari" della Casa Reale inglese - poi la "minaccia" Donald Trump alla Casa Bianca con la sua visione geopolitica da fast food, quindi l'ascesa del musulmano Sadiq Kahn al comune di Londra, con tanto di "fatwa" contro le pubblicità che scoprono le donne (lotta anti-sessista o scenari da Soumission?). Da buon libertario, inoltre, Filippo Facci "sfida" la censura di Zucekerberg ripostando le foto dell'artista del nudo "mobile" Milo Moiré, recentemente fermata per essersi fatta toccare le parti intime dai passanti. E poi il miracolo Islanda a Euro 2016, l'avvicendamento Belpietro-Feltri alla direzione dello stesso Libero (in chiave filo-renziana?) ... Se non è giornalismo social questo!

Crediti: Filippo Facci Facebook, Twitter