Primarie PD: 'Marxisti per Tabacci' i veri vincitori, le foto più belle

Un ritratto del leader
Ecrit par

I dati ufficiosi delle primarie danno Bersani al 44,9% e Renzi al 35,5%, ma dal gruppo Facebook 'Marxisti per Tabacci' gli utenti sostengono la vittoria del proprio candidato e appellano alla rivoluzione. Guarda le foto su melty.it!

Mentre si attende ancora lo spoglio degli ultimi voti, Pierluigi Bersani e Matteo Renzi, che recentemente aveva scomodato alla sua causa persino le sue nonne, si preparano al ballottaggio del prossimo 2 dicembre. Tuttavia, se il segretario del PD e il sindaco di Firenze passano al secondo turno, il vero vincitore morale di queste elezioni è senza dubbio Bruno Tabacci, o meglio il gruppo dei suoi sostenitori su Facebook 'Marxisti per Tabacci'. Dopo la fenomenologia dell'elettore di Vendola Renzi e Bersani spiegata dal 'Terzo segreto di satira' la scorsa settimana, ecco a voi un nuovo tormentone. Fondato lo scorso 7 ottobre, il gruppo si è esposto a sostegno del democristiano assessore della giunta Pisapia motivando con solidi argomenti la stridente presa di posizione: "Perché un marxista dovrebbe appoggiare un democristiano? ". La risposta è ben ragionata: se il nemico da abattere è il neoliberalismo, "Di fronte a Bersani (passato alla storia, da ministro, per le sue liberalizzazioni), Renzi (un neoliberista di stampo statunitense), Vendola che ancora sta decidendo cosa fare dell'ILVA e Tabacci, non possiamo che scegliere quest'ultimo", dichiarano i fondatori del gruppo sulla loro pagina ufficiale.

Ovviamente, la propaganda passa anche dalle immagini, ed ecco ritratto il caro leader Bruno insieme a Fidel, Chavez o Lenin. Per dimostrare al mondo la potenza del proprio apparato, i 'Marxisti per Tabacci' hanno esortato i propri compagni di partito ad inviare, da dovunque essi fossero, foto di sostegno alla campagna di Bruno Tabacci. Nonostante la forza delle argomentazioni con cui i 13.274 aderenti hanno sostenuto il proprio candidato, i dati ufficiosi del voto danno Tabacci all'1,2%, ossia 35.000 voti circa. Ma i 'Marxisti per Tabacci', invigoriti da una ormai poco comune tenacia sovietica, non si lasciano certo scoraggiare dai dati dei "media imperialisti" che danno per socnfitto il loro leader, e da Napoli a Parigi festeggiano i risultati del compagno 'BR1'.

"A Sanremo centro il compagno Bruno ha preso ben 10 voti. Non è che l'inizio. W Tabacci", rassicura un membro, mentre un altro si preoccupa di aggiornare i compagni sui borghi espugnati alla causa rivoluzionaria "A Porto Recanati (MC) il Compagno BR1 prende 67 voti, pari a più del 10% dei suffragi" o ancora "A Limatola (Bn) vince Tabacci con 599 voti, Bersani 115, Vendola 56, Renzi 25, Puppato 0". Se la via democratica al potere è stata impedita dai brogli elettorali delle potenze imeperialiste, la lotta dei Marxisti per Tabacci continua e mostra il suo vero volto: "Adesso rimane solo la lotta clandestina e l'organizzazione per cellule" avvertono dal loro organo d'informazione ufficiale.