One Direction: Selvaggia Lucarelli difende la figlia di Bonolis

Gli One Direction, reduci dalla registrazione di una puntata speciale negli studi Mediaset
Ecrit par

Selvaggia Lucarelli ha difeso su Facebook la figlia di Paolo Bonolis, Silvia, massacrata sui social per essersi fatta un selfie con gli One Direction negli studi di Mediaset. Ecco cosa ha scritto!

Se ti chiami Silvia Bonolis parti già con una marcia in più. Se ne sono accorte le fan degli One Direction quando hanno visto il selfie che la figlia di Paolo ha postato su Instagram, sorridente e al calduccio con i suoi idoli. Mentre loro erano in coda fuori dagli studi di Mediaset nella vana speranza di poter fare lo stesso. Logico che abbiano rosicato e che non si siano risparmiate sui social network accusando la figlia di Paolo Bonolis di essere una provilegiata e, talvolta, infierendo in maniera maldestra su una bambina che ha anche dei problemi di salute. Selvaggia Lucarelli ha deciso di commentare l'accaduto sul suo profilo Facebook, prendendo le difese della piccola Silvia: "Lo dico chiaro e tondo. L'avrei fatto pure io - ha scritto la Lucarelli. - Se Leon ha un sogno da bambino e realizzare il suo sogno da bambino, innocente come l'incontro con un suo idolo, vuol dire alzare il telefono e chiedere un favore in virtù del fatto che posso farlo, non ci penso un attimo".

Poi la blogger si rivolge direttamente alle "bimbeminkia" che hanno riempito di insulti la figlia di Paolo Bonolis: "Non dovete rompere le palle, ragazzine e madri frustrate e cattive che non siete altro, perchè lo fareste anche voi. Vorrei vedere se foste figlie del poliziotto o del discografico o dell'addetto stampa o del road manager se non chiedereste anche voi un bel favore a papà. Se vi impuntereste e direste: no, faccio la fila come le altre. Come no. Voi non insultate perchè odiate i privilegi, ma perchè non ne potete goderne voi in quel momento. Privilegi tra l'altro, che non tolgono nulla a nessuno". Il messaggio non ha bisogno di ulteriori commenti, vero? Voi da che parte state?

Crediti: getty images