Mondiali 2014: La guida de l’Oltreuomo per chi li ama e chi li odia

Tifo
Ecrit par

Il blog de l’Oltreuomo ci ricorda che non tutto il genere umano impazzisce per la competizione calcistica più importate al mondo

A poche ore dal fischio d’inizio del più grande fenomeno sportivo dell’anno, i Mondiali di calcio in Brasile, gli autori del blog l’Oltreuomo ci ricordano che il mondo si divide in due categorie, chi ama e chi odia la manifestazione calcistica. Avere un problema con il calcio durante il mese dei mondiali, infatti, può comportare una serie di spiacevoli conseguenze, che gli autori del celebre blog satirico hanno ricordarci. Se a partire dalle dieci di questa sera, e per un intero mese, la maggior parte della popolazione maschile sarà rivolta con gli occhi e con il cuore verso il Brasile, esiste una buona minoranza organizzata di italiani che scelgono di fregarsene e preferire alla follia calcistica un lungo letargo estivo. L’Oltreuomo si ricorda anche di loro.

Altri articoli su Mondiali 2014Mondiali 2014: Papa Francesco augura un buon MondialeZerocalcare: la vignetta anticonformista sui Mondiali 2014Mondiali 2014: Perché Carla non li guarderà (VIDEO)

Mondiali 2014: La guida de l’Oltreuomo per chi li ama e chi li odia

Se a partire dalle dieci di questa sera, e per un intero mese, la maggior parte della popolazione maschile sarà rivolta con gli occhi e con il cuore verso il Brasile, esiste una buona minoranza organizzata di italiani che scelgono di fregarsene e preferire alla follia calcistica un lungo letargo estivo. L’Oltreuomo si ricorda anche di loro. Se c’é chi conosce a memoria la lista completa di tutti i convocati da Prandelli, gente che cita a memoria la formazione ideale con incluse date di nascite e numero di presenze in Nazionale,c’é chi si chiede ancora che fine abbiano fatto Del Piero e Roberto Baggio. Sono i Pro Mondiali e i Contro Mondiali, due metà di un’umanità che finiranno per scontrarsi per le prossime settimane di calcio senza tregua.Per l’Oltreuomo il conflitto tra la maggioranza di appassionati che seguiranno con morbosissima passione ogni programma Tv, ogni post su Facebook e ogni tweet dei calciatori sui Mondiali brasiliani e ciò’ che resta del mondo che se ne frega è inevitabile.

Crediti: l'Oltreuomo , EA Games