Matteo Salvini vs Tassa sui condizionatori: Peccato sia una bufala

Matteo Salvini foto
Ecrit par

Un post di Salvini ha scatenato il panico sulla Tassa sui condizionatori, voluta da Renzi per assecondare i voleri di Bruxelles. Peccato, però, che non esista alcuna legge del genere.

Qual è il paradosso a cui si ricorre più comunemente quando si parla di tassazione eccessiva? Senza dubbio il più gettonato è “adesso ci manca solo che ci tassino l'aria”. Un post di Matteo Salvini ha contribuito a creare clamore intorno ad una presunta “tassa sui condizionatori”, introdotta da Matteo Renzi per assecondare i folli dettami di Bruxelles. Grande sgomento e grande indignazione tra i commenti, ovviamente. Peccato, però, che non esista alcuna tassa sui condizionatori. Come possiamo apprendere qui, ad esempio, la legge in questione non riguarda in alcun modo i condizionatori domestici ma quelli di almeno 12 Kw (per intenderci si tratta di locali commerciali o industriali) ed è stata approvata due anni fa, dal Governo Letta, con i voti favorevoli della Lega Nord. Non solo, il libretto ed il bollino per gli impianti di aria condizionata di cui Salvini si lamenta nel post sono stati introdotti dal Governo Berlusconi (di cui faceva parte anche la Lega) nel 2005. Cosa ne pensate di questa boutade di Salvini? Ha cercato di cavalcare l'insofferenza delle persone nei confronti del caldo, che per pochi giorni ha soppiantato nella discussione comune il tema “clandestini”? Diteci la vostra menzionando l'account Twitter ufficiale @meltybuzz_it.

Crediti: web