Matteo Salvini: L'intervista alla pagina FB sui suoi post

Leggere i post di Salvini per sentirsi una persona migliore
Ecrit par

Questa settimana per la rubrica "3 domande a" abbiamo intervistato la pagina Facebook "Leggere i post di Salvini per sentirsi una persona migliore". Scopri di cosa si tratta su meltyBuzz.

Matteo Salvini, leader della Lega Nord, è uno dei protagonisti assoluti del panorama politico italiano, anche grazie alla sua strategia comunicativa che gli permette di essere presente costantemente su tutti i media. Infatti se riesce a coprire tutti i media tradizionali, tra cui ovviamente la televisione con la sua presenza costante nei maggiori talk show italiani, riesce a far parlare di sé anche sui social network. Su Facebook, in maniera particolare, il segretario del Carroccio è sempre più protagonista, a volte anche a sua insaputa. La sua popolarità inoltre ha portato alla creazione di diverse pagine ironiche, tra cui spicca "Leggere i posti di Salvini per sentirsi una persona migliore". Questa community-page raccoglie i commenti dei fan dell'euro-parlamentare, creando un originale collage di post che sono a volte al limite del razzismo. Gli autori di questa pagina, che abbiamo incontrato per la nostra rubrica 3 domande a, si presentano, anzi non si presentano così: "Se ci chiedi chi siamo ci metti subito in difficoltà, una delle prerogative nel gestire una pagina come questa è ovviamente il mantenimento dell’anonimato. Puoi chiamarmi (B) come mi firmo in alcuni post, lavoro come chimico in un’azienda emiliana e sono il creatore ufficiale della pagina: il 99% dei post , delle didascalie sulle foto e dei commenti sono scritti da me. Poi ci sono (M) e (W), rispettivamente commerciante e studente universitario, che mi aiutano nella ricerca degli screenshots. Insieme decidiamo cosa pubblicare e cosa no, ci conosciamo e siamo molto affiatati anche nella vita vera".

Come e quando vi è venuta l'idea di creare questa pagina? L’idea di creare questa pagina è nata dopo il ban ricevuto da Salvini l’inverno scorso. Mi divertivo a scrivere commenti ironici o sarcastici sulla sua pagina, pur senza mai essere volgare o offensivo, poi li fotografavo e li ripubblicavo sul mio profilo personale. Dopo il ban qualcuno mi suggerì di creare una pagina dove raccogliere i miei screenshots, l’idea era carina e decisi così di fondare “Leggere i post di Salvini per sentirsi una persona migliore”. Lo feci praticamente per gioco, mi aspettavo al massimo qualche centinaio di like tra i miei contatti. Oggi a distanza di sette mesi la pagina è letta da più di 50 mila persone, non mi sarei mai aspettato nulla di simile.

Qual è la vostro opinione dell'utilizzo di Facebook di Matteo Salvini? Con quanta assiduità seguite la sua pagina? Al di là della nostra personale opinione politica pensiamo che Matteo Salvini sia a suo modo un genio della comunicazione nella stessa misura in cui Mc Donald’s sia un genio della ristorazione. Vende spazzatura ma la vende bene, i clienti sono soddisfatti e aumentano. La sua pagina con oltre un milione di iscritti ha una copertura di 17 milioni di utenti, il che significa che l’85% degli Italiani che accedono quotidianamente a Facebook vedono almeno un suo post nella loro bacheca almeno una volta al mese. E’ un risultato che deve essergli riconosciuto. Poi possiamo discutere dell’opinione che abbiamo di ciò che scrive, ma per quello è sufficiente dare un’occhiata alla nostra pagina. Ti basti sapere che ognuno di noi passa mediamente un paio d’ore al giorno a districarsi tra i commenti dei suoi accoliti alla ricerca delle “perle” migliori da pubblicare, spesso scherziamo sul fatto che per fare quello che facciamo occorra essere malati di mente.

Quali sono i post che hanno avuto più successo e quali sono i commenti più divertenti che avete ricevuto dai vostri fan? Gli screenshot che proponiamo fondamentalmente si possono suddividere in due gruppi riguardanti due diverse categorie di persone: gli sgrammaticati, quelli che rivendicano l’orgoglio nazionale senza sapere cosa sia un congiuntivo né dove voglia la acca e i “bombers”, coloro che commentano rispondendo per le rime o trollando. Ci siamo accorti che la seconda categoria riscuote più successo della prima. Tra i bombers storici ricordiamo ad esempio Natalia, che in risposta un post di Salvini che diceva più o meno “Mi rivolgo ai giornalisti, non chiamateli migranti perché di fatto fino a prova contraria sono clandestini” scrisse “Pensa che io non ti chiamo né politico né segretario di partito perché di fatto fino a prova contraria sei un co…” o la mitica Elena, che quando Salvini si lamentò del compenso di Benigni al Festival di Sanremo commentò “è uno scandalo, tu guadagni meno ma fai molto più ridere”, arrivando ad ottenere oltre un migliaio di like nonché una condivisione niente meno che sulla pagina dello Zoo di 105. Per quanto riguarda i commenti dei nostri fan essi rappresentano almeno il 50% del valore reale della nostra pagina. Molti utenti dichiarano di passare più volte al giorno anche solo per leggerne di nuovi. Abbiamo decine e decine di autentici professionisti dell’ironia e noi vogliamo bene a ognuno di loro, li consideriamo parte della famiglia. Scegliere i più divertenti sarebbe impossibile, possiamo solo consigliarvi di fare un salto sulla pagina e rendervene conto di persona. Siamo certi che vi strapperanno più di una risata.

Crediti: web