Martina Dell’Ombra analizza i risultati del referendum in Grecia

Martina Dell'Ombra
Ecrit par

Dopo la vittoria del fronte del “No” al referendum in Grecia, molte sono le analisi politiche ed economiche che si stanno facendo in queste ore. Ecco quella di Martina Dell’Ombra!

Ieri è stata una giornata storica non solo per tutta l’Europa, ma per l’intera situazione politica ed economica mondiale: in Grecia, infatti, ha vinto il fronte del “No” al referendum per l’applicazione delle riforme proposte dall’Eurogruppo e dal Consiglio Europeo. In molti in queste ore stanno analizzando le possibili conseguenze di quanto accaduto ieri: oltre ai grandi politici, sociologi ed economisti, anche Martina Dell’Ombra, che si definisce, sul suo profilo Facebook, “una ragazza normale con un grande sogno politico”. Martina spazia, con grande abilità, da un argomento a un altro, sia che si tratti di politica sia che si tratti di vestiti: memorabile il suo intervento contro gli “immigranti” alla Stazione Termini di Roma che erano stati fatti accampare in uno stand destinato, secondo Martina Dell'Ombra (qui la sua pagina Facebook), a ospitare Victoria’s Secret. “Io faccio un appello a tutti quanti per farli spostare quantomeno in uno stand che sia de Intimissimi che ce ne stanno un sacco ed è molto più scarso”.

Ciao a tutti!! Ecco quello che penso del risultato in Grecia: non c'avete nulla da festeggiare!! Per fortuna comunque noi stiamo ancora bene Kissinii

Posted by Martina Dell'Ombra on Lunedì 6 luglio 2015

Martina Dell’Ombra sta sempre sul pezzo e oggi ha pubblicato un video in cui dice la sua sulla situazione in Grecia: “Secondo me non ce sta assolutamente niente da festeggiare perché a questo referendum hanno votato tutti quelli del popolo quindi persone che oggettivamente de politica non ce capiscono niente”. E continua: “Adesso possono anche festeggiare ma si ridurranno come uno di quei paesi sfigati, poveri, come quelli qua attorno, la Siria o la Turchia”. Concludendo con un interrogativo importante: “Ora che la Grecia non sta più in Europa, esattamente, n’do sta? ”.

Crediti: youtube