Maria Elena Boschi: Lo studente di Catania, la camicia e gli "sfottò" di Scanzi (VIDEO)

La Boschi, Scanzi e l'eroe di Catania
Ecrit par

Verrà ricordato come lo studente che ha sfidato Maria Elena Boschi: il video di Alessio Grancagnolo che attacca la Riforma della Costituzione è virale. Almeno quanto il suo outfit.

Alessio Grancagnolo eroe per un giorno: il suo nome non vi dirà granché, ma è lui il coraggioso studente dell'Università di Catania ad aver preso la parola nel corso di un dibattito sulla Riforma della Costituzione, presente il Ministro delle Riforme Maria Elena Boschi. Il video del suo (lungo) intervento, diventato virale in poche ore, è un vero e proprio manifesto per il fronte del NO alle modifiche costituzionali volute dal Governo Renzi, in vista del referendum di ottobre. Grancagnolo ha evocato spettri come la "deriva plebiscitaria" e non ha avuto paura di sminuire il valore degli esponenti dell'attuale maggioranza (proprio davanti alla Boschi) al cospetto dei Padri Costituenti del Dopoguerra. Non è dato sapere se siffatto reato di "lesa maestà" o "blasfemia" contro la Santa Boschi gli costerà caro come lo fu per Giacomo Matteotti dopo il discorso contro Benito Mussolini del 1924: ai posteri l'ardua sentenza.

Nel frattempo, l'eroico gesto di Resistenza del Grancagnolo viene amplificato dalla scelta di outfit dello stesso, la cui camicia è stata definita anacronistica e ardita dal capofila degli anti-Renzi Andrea Scanzi, che ha commentato così su Facebook: "(...) Il noto eversivo comunista Alessio Grancagnolo, che per l'occasione ha rubato una camicia bicolore a Felice Caccamo (...) complimenti al ragazzo, al di là della camicia trafugata dalla tomba di Vercingetorige (...) il reprobo dissidente Grancagnolo è stato deportato in Siberia. Con la stessa camicia, peraltro". A proposito di Siberia, il Grancagnolo unisce il coraggio "eretico" fantozziano di fronte alla Corazzata Potemkin alla loquacità prolissa del Postiglione di "Compagni di Scuola". Un eroe italiano, kamikaze solitario contro la tracotanza del potere. Anche grazie agli sfottò di Scanzi, la sua camicia verrà ricordata come una Sindone laica che trasuda passione civile. (di @niccolink)

Crediti: Archivi web, Facebook, Getty Images