Marco Travaglio: La video lettera a Scalfari che fa reagire Twitter!

Marco Travaglio, la lettera a Scalfari e Napolitano
Ecrit par

Marco Travaglio, nel suo editoriale di Servizio Pubblico, dedica una lunga lettera a Eugenio Scalfari. Scopri cosa ha detto e guarda il video su meltybuzz.it!

"Caro Eugenio Scalfari le scrivo con tutto il rispetto che si deve al decano dei giornalisti italiani". Comincia così il lungo editoriale di Marco Travaglio a Eugenio Scalfari, per la puntata di Servizio Pubblico del 19 Dicembre 2013. Marco Travaglio ricorda, nella sua lettera, l'ostinata difesa di Eugenio Scalfari del presidente della Repubblica Napolitano, e le critiche del fondatore di Repubblica alla sua editorialista Barbara Spinelli, rea di aver collaborato all'ultimo libro di Travaglio: "lei domenica se l'è presa con Barbara Spinelli non per confutare nel merito le sue tesi su Grillo e Napolitano, ma per negarle il suo diritto di scrivere che qualche volta può aver ragione Grillo, e qualche volta aver torto Napolitano. Come se criticare Napolitano fosse lesa maestà, non il presidente di una Repubblica parlamentare, ma un monarca assoluto". Una lettera, quella di Marco Travaglio, che trascende la banale e inutile polemica tra giornalisti per affrontare problemi più complessi: la trattativa Stato-mafia e il silenzio delle istituzioni, il dominio "assoluto" di Napolitano sul governo attuale, l'isolamento del pm Di Matteo e l'indifferenza delle più alte cariche sulla sorte di un servitore dello Stato.

Marco Travaglio ha usato i dieci minuti di editoriale concessi durante il programma di Servizio Pubblico per ricordare, a Scalfari ma soprattutto agli spettatori, come il pm Di Matteo stia vivendo un momento di grande difficoltà. Condannato a morte da Riina dal carcere, il pm Di Matteo è al momento isolato, e quindi un facile bersaglio da colpire: "Napolitano non ha mai dato la sua solidarietà a Di Matteo, che coordina le indagini sulla trattativa Stato-mafia, ma ha espresso solo una generica vicinanza a tutta la magistratura minacciata". Un gesto, quello di Napolitano, che pare la diretta conseguenza delle indagini di Di Matteo sulle telefonate sospette tra Mancino e Napolitano: "Cosa impedisce a lei e a Napolitano di citare Di Matteo per nome e cognome? Il dubbio è che per voi Di Matteo sia innominabile perché osò intercettare Mancino e incappò nelle telefonate con Napolitano". Infine, la conclusione, con l'invito a Scalfari e Napolitano a inviare un messaggio di solidarietà esplicita a Di Matteo. Su Twitter, l'intervento di Marco Travaglio non ha mancato di sollevare critiche e polemiche di ogni sorta.

Crediti: Archivio web