M5S: Twitter reagisce al post su Willer Bordon, Giulia Grillo lo modifica

Movimento 5 Stelle
Ecrit par

Non smette di suscitare polemiche il particolare necrologio di Willer Bordon scritto dalla parlamentare del M5S Giulia Grillo (in seguito modificato). Leggi di più su meltyBuzz.

Il particolare necrologio che la parlamentare del M5S Giulia Grillo ha deciso di dedicare a Willer Bordon è estremamente discusso in rete. La successione delle frasi “Per redimersi c'è sempre tempo” e “Condoglianze alla famiglia Bordon” in calce ad un video in cui l'ex esponente del centrosinistra parlava in senso positivo del M5S sembrava ai più stridere parecchio con la delicatezza del momento. Per quanto sotto il post non mancassero commenti volti a difendere la deputata dagli attacchi degli avversari politici definiti "in malafede", il sentimento più diffuso in rete è senza dubbio lo sgomento nei confronti delle dichiarazioni della parlamentare. I capi d'imputazione, se così possiamo definirli, accostati all'improvvido messaggio (Leggi qui il nostro editoriale sulla vicenda) sono quelli della superiorità antropologica vantata dai M5S (se parli bene di noi meriti un necrologio, altrimenti no) e dell'utilizzo del verbo “redimere”, come se avere idee diverse da Beppe Grillo fosse un peccato da espiare. Su Twitter i commenti più significativi sono quelli di @nonleggerlo “L'onorevole #m5s Giulia Grillo sulla morte di Bordon: "Per redimersi c'è sempre tempo". Che dire.” e di @ubtesla1989 “La classe non è acqua. Appunto. Qui siamo direttamente nel vuoto siderale”. Pochi minuti fa Giulia Grillo ha modificato il post, probabilmente in seguito alle polemiche suscitate, con una lode al defunto scritta da Beppe Grillo. E voi cosa ne pensate? Se vi va, diteci la vostra menzionando l'account Twitter ufficiale @meltybuzz_it.

Il post originario su Twitter
M5S: Twitter reagisce al post su Willer Bordon, Giulia Grillo lo modifica
Il post modificato su Facebook
M5S: Twitter reagisce al post su Willer Bordon, Giulia Grillo lo modifica
Crediti: Giulia Grillo Facebook, Giornalettismo, web