Selvaggia Lucarelli su Leonardo Di Caprio: “Per vincere serve l’orso”

Selvaggia Lucarelli parla di Revenant
Ecrit par

Ecco la recensione di Revenant di Selvaggia Lucarelli, che è andata al cinema a vedere il film con Leonardo Di Caprio e Inarritu nel primo weekend in cui era nelle sale.

Leonardo Di Caprio è uno dei trend topic personali di Selvaggia Lucarelli che ne ha già parlato a lungo per Il Fatto Quotidiano ma torna con un post su Facebook per raccontare la propria recensione di Revenant. L’ha visto al cinema Anteo che “è un cinema d'essai ma non troppo d'essai in cui trovi ancora le sciure milanesi che commentano l'ultimo di Ken Loach sui disoccupati con sussidio di Glasgow mentre si allacciano la pelliccia”. Ma la Lucarelli è stata prontamente redarguita dal giovane bigliettaio “mi trovo davanti il ragazzo che strappa i biglietti e che mi chiede "Cosa va a vedere?" rispondo incautamente : "DiCaprio", quello mi guarda dritto negli occhi con aria piccata e fa: "Al limite va a vedere Inarritu". Della serie: ciccia, se non fosse per Inarritu DiCaprio quest'anno sarebbe candidato per l'Ambrogino d'oro”. Risultato? Incredibilmente, le è piaciuto.

“Dopo due ore e trentasei dritte filate e dopo aver visto pure come si chiama il messicano aiuto make-up dell'orso bruno nei titoli di coda, la mia opinione è che il film è proprio bello. Quasi faticoso da vedere fisicamente. Un film in cui si pensa costantemente al freddo, in cui ti sembra di sentire il gelo, la bocca spaccata e le mani crepate. Un film con poche parole e molto sangue, molta natura, molto DiCaprio”. Ma poi c’è il ruolo dell’Orso: “tra Zalone che masturba l'orso bianco e DiCaprio che si fa "sodomizzare" dall'orso bruno, quest'anno per vincere al botteghino serve l'orso. Finirà che il prossimo cinepanettone altro che Caraibi, lo gireranno sulla Majella, che qui anche l'orso marsicano sgomita”. E voi cosa ne pensate? L’avete visto, vi è piaciuto? Scrivetelo nei commenti.

Crediti: 20th Century Fox, web