DiMartedì: Le Pen e D'Alema massacrati su Twitter

I commenti su Twitter allo scontro Le Pen-D'Alema
Ecrit par

Marine Le Pen e Massimo D'Alema sono stati ospiti a DiMartedì ieri sera. Entrambi non sono stati graditi dal pubblico, che su Twitter non mancano di commentare (negativamente) i due politici. Scopri di più su meltyBuzz.it.

Scontro tra titani ieri sera a DiMartedì, il talk show politico condotto da Giovanni Floris su La7. Il leader francese del Front National, Marine Le Pen - nell'occhio del ciclone dopo l'attentato a Charlie Hebdo dello scorso 7 gennaio per aver parlato di reintroduzione della pena di morte - si è confrontata con Massimo D'Alema nel salotto della trasmissione. Entrambi poco amati dal pubblico, l'una per la sua politica estremista e xenofoba e l'altro per la sua proverbiale incoerenza dimostrata nel corso degli anni e degli incarichi politici rivestiti, sono stati massacrati dagli utenti su Twitter durante la messa in onda. Nella guerra tra i poveri descritta dagli utenti in Rete, in molti sostengono - addirittura - che la Marine Le Pen abbia surclassato il "lider Massimo", freddandolo a più riprese con frasi lapidarie del tipo: "D'Alema, lei fa sermoni non riflessioni politiche".

Tuttavia non mancano le dure critiche nei confronti del leader del Front National: "Se nel 2015 ci troviamo ad osannare una fascista come #LePen è sintomo che stiamo tornando nel Medioevo..", scrive @gi__mar; mentre @Danilo_mgh rincara la dose: "La #LePen parla di pena di morte e lo studio applaude. Non siamo più solo scemi, stiamo tornando pure barbari". Nella carrellata di stroncature, non mancano però le lodi di Gianni Alemanno: "#DAlema vecchio noioso e retorico, #LePen grande coraggiosa vera. Questa é la nuova speranza in tutta Europa. #UnNuovoInizio #DiMartedì", scrive l'ex sindaco del Comune di Roma sul suo profilo Twitter. Anche i detrattori di Massimo D'Alema, dal canto loro, non è che vadano per il sottile: "Ahahahaah L'apertura di D'Alema è degna del peggior bar di sezione PCI della bassa emiliana", twitta @Petiziol. Voi che ne pensate?

Crediti: web