Isis: Not In My Name, i musulmani si ribellano allo stato islamico

#NotInMyName, la campagna contro l'Isis
Ecrit par

L'organizzazione Active Change ha lanciato la campagna social #NotInMyName per permettere ai musulmani di dissociarsi dall'Isis e esprimere la propria condanna al Califfato. Guarda foto e video su meltyBuzz.it.

"Not in my name", non nel mio nome e nemmeno nel nome dell'Islam. La campagna lanciata da Active Change combatte l'Isis sulle piattaforme social, dove i militanti islamisti hanno diffuso immagini di morte attraverso i video delle decapitazioni. Così, dopo la protesta #BurnISISFlagChallenge, l'hashtag #NotInMyName è diventato un simbolo per quanti vogliono dissociarsi dallo stato islamico e dal suo comportamento violento. In tanti hanno risposto alla chiamata di Active Change, mettendoci la faccia oltre che le parole, su Instagram e Twitter. Moltissime sono le foto di persone con il cartello Not In My Name: "La mia religione è tollerante verso l'uomo, ma voi non la rispettate", afferma una giovane musulmana nel video creato da Active Change per la campagna. "I giovani musulmani britannici sono stanchi della propaganda piena di odio dei terroristi dell’Isis e della produttività dei loro supporter sui social media", ha raccontato il fondatore di Active Change, Hanif Qadir. "Sono arrabbiati per come il Califfato sta usando la piattaforme web per radicalizzare i giovani e diffondere le loro parole avvelenate di violenza nel nome dell’Islam".

Crediti: Youtube