Ilary Blasi: Il nude look a Le Iene, le reazioni su Twitter

Ilary Blasi le iene, ilary blasi look iene, ilary blasi nude look, ilary blasi le iene 29 gennaio
Ecrit par

Ilary Blasi ha riaperto la stagione de Le Iene con un abito scelto dal web, un nude look che più nude look non si può, che ha diviso i cinguettii su Twitter. Sexy o fuori luogo?

Ilary Blasi nel 2015, anno nuovo e vestiti vecchi. Sensuale, ripetitiva o sensuale e ripetitiva? Dopo gli abiti sexy, il vedo-non vedo, Ilary, il pizzo e lo stacco di coscia che entusiasmano il web, Il look del 29 gennaio è stato scelto dal web. Il nero ha vinto sul rosso (Stendhal avrebbe un brivido post-litteram) e il web si spacca. Il look di Ilary durante la puntata del 29 gennaio è consistito in un corpino semplice e assolutamente casto e in una gonna lunga completamente trasparente, decorata da qualche ricamo nella parte inferiore. Su Twitter le opinioni sono contrastanti. C’è qualcuno che vedendo Ilary Blasi pensa surrealmente e serenamente a una possibile vita quotidiana: “#ilaryblasi ti porto a Ikea, e ti aspetto fuori da Zara e da HeM sempre con il sorriso, lo giuro”, twitta @davidesorge.

Qualcun altro si lancia in un’iperbole fashion-voyeuristica: “Lo stilista di #ilaryblasi dovrebbe essere fatto santo subito.grazie! grazie davvero” è il commento di @ClaudioMottaa. Un terzo si affida a un flashforward onirico in idioma semi-milanese, è @bat976: “Stanotte sognerò la #ilaryblasi ! fantastica nelle #iene stasera”. Tutti entusiasti, tutti felici? Non proprio. Se qualcuno ha gli occhi a cuore per il nude look di Ilary, qualcun altro non sembra essere dello stesso parere. È il caso di @_GiovanniBra: “Un minuto di silenzio per i prosciutti di #ilaryblasi”. Più caustica @LaSambruna: “Pare che la Toffa avesse iniziato ad indagare sullo stylist di #IlaryBlasi per poi scoprire che NO, non è un finto cieco”. Malinconico-riflessiva è @SusannaNuti: “Anno nuovo, puntate nuove, sempre soliti orrendi vestiti per #ilaryblasi”. Il vero rosso e nero sul look di Ilary è stato il web

Crediti: YouTube, facebook