Ice Bucket Challenge: La sfida di un malato di Sla

Ice Bucket Challenge di un malato di Sla
Ecrit par

L'Ice Bucket Challenge più significativa di tutte arriva in un video postato su Facebook da Marco S., malato di Sla da sei anni. Guarda la sfida su meltyBuzz.it.

Marco S. è malato di sclerosi laterale amiotrofica da sei anni. Mantovano ed ex sportivo, Marco è stato aiutato moltissimo dagli amici, che in suo nome hanno creato un'associazione per raccogliere fondi e aiutarlo a sopravvivere. E chi meglio di lui poteva capire l'importanza dell' Ice Bucket Challenge? Proprio per questo ha deciso di unirsi anche lui alla sfida virale che ha impazzato nell'ultimo mese sui social: un secchio di acqua ghiacciata in testa al fine di diffondere il messaggio sull'importanza di donare alla ricerca contro la Sla. Marco, impossibilitato dalla malattia a parlare, ha consegnato il suo messaggio a una voce registrata che traduce le sue parole. "Il 5 di settembre io e la stronza compiamo sei anni. Se leggerete il primo capitolo del mio libro capirete il perchè. Molta strada insieme. Tanti insegnamenti. Per festeggiare degnamente, ho deciso di fare un ‪#‎icebucketchallenge‬ a modo mio, my way, a mi manera, dato che vorrei il libro non uscisse postumo", ha detto Marco, esortando tutti a donare per la ricerca. Infine ha nominato "persone che, per differenti motivi, non potranno accettare il mio invito, ma di cui ricevere una donazione mi farebbe estremamente piacere". Le quattro sono andate così a Papa Francesco, al premier Matteo Renzi, ("al fine di incoraggiarlo a stanziare più fondi alla ricerca"), a Mario Melazzini, assessore alle attività produttive in regione Lombardia e malato di Sla e a Beatrice Lorenzin. "E, perchè no, pure i suoi dieci "saggi", cui una bella doccia ghiacciata schiarirebbe le attualmente confusissime idee", ha concluso.

Crediti: facebook