I Marò e altre creature leggendarie: L'intervista alla pagina FB

La pagina FB "I Marò e altre creature leggendarie"
Ecrit par

Questa settimana per la rubrica "3 domande a" abbiamo intervistato l'ironica pagina Facebook “I Marò e altre creature leggendarie”. Scopri di più.

Sono ormai circa tre anni e mezzo che si parla del caso dei Marò italiani, arrestati in India a causa di una sparatoria avvenuta al largo di Kerala e sott’accusa per l’omicidio di due pescatori. Il caso è stato impugnato dall’Italia a causa degli aspetti poco chiari della vicenda e per rivolgersi a un arbitrato internazionale per il giudizio finale sulla vicenda. Così dal 15 febbraio 2012 tutti i personaggi della scena politica hanno detto la loro cercando di utilizzare il caso dell’Enrica Lexie per avere un’eco mediatica che forse non avrebbero avuto in altri casi. Ovviamente ognuno ha il diritto di intervenire sulla faccenda, ma più di si è preferito affrontare l’argomento in maniera molto spettacolare piuttosto che entrare nel giusto merito della storia. Non stupisce quindi che su Facebook e non solo si sia preferito utilizzare una maniera dissacrante in risposta a quest’utilizzo deformato della vicenda. Tra le diverse pagine che si sono create c’è ad esempio “I Marò e altre creature leggendarie”, che ironizza sull’aurea quasi mistica ormai raggiunta dai due fucilieri Girone e Latorre (quest’ultimo rientrato in Italia grazie a un permesso provvisorio per le sue condizioni di salute). Abbiamo intervistato gli ideatori di questa fan-page per la nostra consueta rubrica 3 domande a, i quali si presentano in modo poco rivelatorio: “siamo giovani studenti e neolaureati”.

Come e quando vi è venuta l'idea di creare questa pagina? L'idea è venuta dalla considerazione che la vicenda dei Marò (i c.d. "nostri ragazzi") ha perso i connotati originari di una vicenda internazionale di difficile risoluzione ma ha assunto i contorni di una vera e propria leggenda metropolitana, da cui il nome della pagina. Capita spesso di trovare un po’ ovunque commenti a notizie pubblicate su fb o sui siti delle testate online del tenore "e i marò?" buttati lì quasi a caso.

Da cosa dipende secondo voi quest’ossessione ciclica nei confronti dei Marò? E’ un sentimento di solidarietà oppure solo un modo per far parlare di sé, soprattutto da parte di alcuni politici? L'ossessione ciclica deriva un pò dal fatto che ogni tanto escono notizie nuove (vere o false che siano) che risvegliano vecchio sentimenti nazionalistici che si sfogano in questo modo (prima c'erano le foibe, ora ci sono i marò)oltre alle solite passioni voyeuristiche per cui la gente si intriga anche a seguire i delitti famosi. Sicuramente è un sentimento di solidarietà vera per le forze dell'ordine, c'è molto cameratismo tra i militari, un senso di fratellanza e di comunione che assume talora toni decisamente esagerati. Ma per le forze politiche è solo un modo di fare propaganda appellandosi ai vecchi slogan della patria e della nazione, strumentalizzando una vicenda dai contorni decisamente poco chiari

Quali sono i post che hanno avuto più successo e quali sono i commenti più divertenti che avete ricevuto dai vostri fan? Il post di maggior successo è senza dubbio quello che recita: "Discografico confessa: i daft punk sono i marò”. Poi troviamo "Zuckerberg il tasto 'e i marò?' per fb” e "E' arrivata l'ora legale, avrò un'ora in più per pensare ai marò”. Un altro post che è stato apprezzato dai nostri fan riguardava per la celebrazione del trentennale di Ritorno al Futuro : "Oggi è arrivato Marty McFly. E i Marò?”. Infine ce n’è stato passato uno che vede Gandhi rispondere al telefono dicendo: "senti coso, i marò non te li dò”.

Crediti: web