Greta Menchi: Il selfie con Ashton Irwin e le polemiche su Twitter

Greta Menchi e Ashton Irwin
Ecrit par

Dopo Cleo Toms anche Greta Menchi è stata presa di mira dagli utenti di Twitter, a causa di un selfie in compagnia del batterista dei 5 Seconds of Summer, Ashton Irwin.

Greta Menchi può annoverare un personaggio di eccezione tra la schiera dei suoi 200.000 follower di Twitter. Si tratta di Ashton Irwin, uno dei componenti della band 5 Seconds of Summer, saliti alla ribalta mondiale negli ultimi anni. La giovane vlogger italiana ha incontrato per caso il batterista della boy band e ne ha approfittato per scattare un selfie da pubblicare sul suo profilo Instagram. Questo incontro fortuito ha scatenato le invidie delle fan dei 5 SOS, facendola entrare nella top ten degli argomenti più discussi su Twitter, con gli utenti che si sono divisi a metà tra chi attacca e chi invece sostiene Greta. Per la prima fazione c’è ad esempio il duro intervento di chi scrive “Infatti non è per niente giusto, ma cosa ci possiamo fare noi? Niente. Provo davvero un odio profondo verso le raccomandate.. Noi ci facciamo un culo così per prendere un biglietto per un concerto o per incontrare il proprio idolo, mentre loro ci riescono con uno schiocco di dita perché attenzione ehy, loro sono youtuber e sparano cazzate davanti ad una telecamera, loro possono, noi no”.

Come detto però, non tutti sembrano condividere questa opinione. Infatti molti utenti appoggiano la Yotuber sostenendo che “Greta Menchi non ci sta sbattendo in faccia il fatto che Ashton la segue, rispetto ad un'altra youtuber che l'avrebbe fatto”. C'è anche chi invece si trova in una posizione più moderata, e ammette il suo stato d'animo cinguettando dal suo account: "Alla fine quella per greta menchi è invidia assoluta ma almeno lasciateci sfogare". Insomma anche Greta Menchi, dopo Cleo Toms, finisce nella bufera social mediatica a causa dei 5 Seconds Of Summer, a questo punto c’è da chiedersi se conviene per una vlogger avere a che fare con la rock band australiana.

Crediti: web