Greta Menchi: La polemica per gli "unfollow"!

La Youtuber Greta Menchi
Ecrit par

Tutto nasce da un tweet di una fan, un tempo seguita e poi "unfollowata": la Youtuber torna a seguire l'ippogrifa e si scatena la bufera.

Che sta succedendo agli Youtuber? Ma soprattutto, che sta succedendo al rapporto che le Webstar hanno instaurato con i propri fan? Perché il legame è saldo, almeno a giudicare dai numeri e dalle folle oceaniche che accompagnano qualunque uscita pubblica delle piccole star del Web, ma qualcosa scricchiola. In principio fu Antony Di Francesco, che arrivò a urlare "Puffe, saltatemi addosso!". Poi venne Sofia Viscardi, che disse basta alle foto di nascosto nei cespugli come moderni paparazzi. Infine fu Greta Menchi, esplosa in un recente video dagli Stati Uniti: "A volte mi sento trattata come un pezzo di carne", aveva confidato la Youtuber, auspicando un rapporto più sincero e caloroso con i propri fan. Ed è proprio Greta Menchi a scrivere l'ultimo capitolo di questa spiacevole saga. A scatenare il tutto è un tweet di una fan, che ricorda con nostalgia il giorno in cui Greta Menchi decise di seguirla su Twitter: "Riseguita!", cinguetta la Webstar. E qui si scatena la polemica. Perché si scopre che sono tante le fan che hanno subito lo stesso trattamento, che sono state seguite e poi "unfollowate". Molte si chiedono: perché lei sì, e io no? Greta Menchi para il colpo con lo screen di un breve testo: "Avrei piacere di seguire più da vicino e vedere chi veramente mi vuole bene. Non si tratta di numeri!". Persone e numeri, è qui che si gioca la partita, come specifica la stessa Webstar nella didascalia che accompagna lo screen.

Ma il pubblico non è convinto. E ribalta il rapporto fra numeri e persone vere. Tanti ricordano che dietro ai numeri ci proprio persone. Altri sottolineano l'indissolubile rapporto che lega gli Youtuber ai numeri: dice i numeri non le interessano, ma sarebbe contenta se avesse zero iscritti? E poi c'è chi, come il più classico degli haters, approfitta dell'occasione per lanciare accuse gratuite.

Crediti: Web