Vanessa e Greta: Gli errori di italiano di Salvini su Twitter

Matteo Salvini e l'italiano.
Ecrit par

Il segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, su Twitter manifesta il puntuale il suo pensiero su Twitter. Ieri, in occasione della sua apparizione a Che Tempo che Fa. Se la libertà di pensiero è un'opinone, la grammatica invece no. Le reazioni su Twitter agli errori di italiano di Matteo Salvini.

La questione delle due cooperanti rapite in Siria (e finalmente liberate) è argomento che infiamma molti politici italiani, Salvini in primis. Ieri sera il segretario della Lega Nord era ospita da Fabio Fazio a Che Tempo Che Fa: durante la serata si è lasciato andare a commenti che spaziavano dall'Islam ai diritti degli omossessuali. Molto presente durante l'intervista la questione di Greta Ramelli e Vanessa Marzuli, le due cooperanti italiane che sono appena state liberate dalla prigionia in Siria (ricordiamo che questo argomento è al centro del dibattito sui media e sui socia, sopratutto dopola gaffe di Maurizio Gasparri su Twitter). A Che Tempo che Fa il segretario leghista si è detto contrario al pagamento del riscatto da parte del Governo Italiano. E, in tempo reale, twittava il suo pensiero. In particolare Matteo Salvini si è così espresso: “Se prossima volta avessero fatto volontariato un po' più vicino, sarebbe stato meglio #chetempochefa #gretaevanessa”. Ci vedete qualche problema?

Bhé, non siete gli unici. Il tweet di Salvini ha generato una serie di risposte piuttosto ironiche sull'uso creativo della consecutio temporum da parte del segretario leghista . Per esempio Pinuccio: "@matteosalvinimi se prossima volta avessero fatto...oh ma parli come un nigeriano appena sbarcato", o ancora Gianporter che si chiede se i leghisti sono "troppo impegnati a difendersi dallo straniero per poter andare a scuola". Qualucuno tira fuori l'altro grande esempio di letterato leghista e si chiede: "Ma sei andato a scuola col Trota? ". Se vi interessa l'argomento potete seguire la discussione sul profilo Twitter di Matteo Salvini.

Crediti: web