Giubileo: Sequestrate 3500 benedizioni false proprio come quelle originali

Papa Francesco e le benedizioni false
Ecrit par

IL CORRIERE DELLA RESA – L'alienazione di materiale sacro contraffatto sta preoccupando la Santa Sede: le benedizioni in vendita sono false esattamente come quelle reali.

Al giorno d'oggi la pirateria è una piaga sempre più invadente nei commerci dei marchi più famosi a livello internazionale. La Chiesa Cattolica non fa certo eccezione ed il Vaticano, nonostante le sue aderenze altolocate, non è immune dalle nefaste conseguenze di questa pratica. Se la pirateria digitale ha un suo campo di azione prettamente telematico, la pirateria nei confronti del materiale sacro, come appreso dalla cronaca recente, si appoggia ancora a dei retrobottega nei quali degli stampatori creano artigianalmente oggettistica anacronistica da vendere agli ignari pellegrini, sullo stile delle false benedizioni di Papa Francesco. Considerando che le benedizioni false hanno effetti nulli proprio come quelle originali, è chiaro che riconoscere quelle reali è stato molto arduo per gli inquirenti. Il Corriere della Resa è riuscito a contattare un investigatore dei NAS che ci ha spiegato quali sono state le caratteristiche dell'indagine e le maggiori difficoltà incontrate.

Gli inquirenti sono rimasti insospettiti da quelle inusuali benedizioni a forma di cappello

CONFEZIONE – Le benedizioni erano identiche a quelle originali e soltanto un occhio attento avrebbe potuto distinguere le vere dalle false. Ciò che i falsari non sapevano, però, è che nelle vere benedizioni, in trasparenza, sono presenti dei richiami subliminali con inviti a non dimenticare di versare l'otto per mille. Circostanza non riscontrata in quelle fasulle.

DEDICHE – Le benedizioni erano personalizzabili, ma la scoperta di una pergamena dedicata a Gianluigi Nuzzi ha fatto pensare agli inquirenti che ci fosse qualcosa di strano nell'aria.

PREZZO – Infine, il prezzo. Le benedizioni, come potete vedere nella foto qui in alto, sono state proposte a prezzi troppo popolari per sembrare davvero un articolo commerciale della Santa Sede.

Crediti: Guardia di Finanza, primocanale.it