Maurizio Gasparri: "Chiesimo, chi critica è una testa di cazzo"

Maurizio Gasparri
Ecrit par

Maurizio Gasparri, ai microfoni di Radio Cusano Campus, è entrato a gamba tesa su coloro che hanno criticato l'ormai celebre gaffe “Chiesimo”.

Radio Cusano Campus si conferma una fucina di grandi commenti dei personaggi della politica. Dopo alcune dichiarazioni particolari di Paola Taverna, infatti, ecco l'intervista a Maurizio Gasparri all'indomani dell'affaire “Chiesimo”. Sollecitato sull'argomento dai conduttori, il vicepresidente del Senato ha sottolineato come l'errore sia capitato a causa di una disattenzione di una ragazza dello staff e che la sigla “ST” al termine del tweet incriminato fosse una prova sufficiente per dimostrare che la topica non fosse sua. Per questa ragione Gasparri ha insultato pesantemente coloro che hanno speculato sulla vicenda dandole tutto questo risalto, chiamandoli “teste di cazzo, frustrati, imbecilli e tossici”, con un'enfasi aggiuntiva posta sulla particolare sindrome rappresentata dall'avere un pene al posto della testa, visto che quell'insulto è stato ripetuto più e più volte. Qui potete ascoltare l'intervento di Gasparri. Diteci cosa ne pensate, se vi va, menzionando il nostro account Twitter ufficiale @meltybuzz_it.

Crediti: Archivio web