Game of Thrones 5x04: Riassunto semiserio (GIFs)

Tyrion Lannister
Ecrit par

Game of Thrones è arrivato alla sua quarta puntata, “The Sons of the Harpy”: tra la missione di Jamie Lannister e Bronn, la fuitina di Jorah Mormont con Tyrion e la sempre inutile Sansa Stark, ecco cos’è successo veramente ai nostri beniamini in guerra.

Nonostante la puntata “pene-centrica”, c'è una buona notizia: finalmente sono arrivate le mie beniamine, i personaggi migliori del mondo di Game of Thrones (qui la pagina Facebook italiana): le Serpi delle Sabbie, le figlie bastarde di Oberyn Martell. Contro ogni misoginia, contro ogni convenzione sociale, contro ogni perbenismo, il regno di Dorne è il baluardo della libertà e della speranza nel disagio mentale dei Sette Regni. Perché parliamoci chiaro: Daenerys è un’incapace, e se gli togliamo quei tre draghetti è solo un'altra bionda tinta qualsiasi; Stannis è il classico tipo che quando passa ti spinge a grattarti le palle, tanto è potente l’aura di ansia che emana; Cersei è calcolatrice nel modo sbagliato; e gli Stark, che erano gli unici decenti, sono stati decimati come se non ci fosse un domani. C’è sempre John Snow ma, a parte quel bel faccino, sembra di avere a che fare con il classico ragazzo che “è bello ma non balla”: ossia, quello che ti annoia già al primo appuntamento, spiritoso come le mattonelle del bagno e con la perspicacia di un topo morto. Detto questo, passiamo alla puntata.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Jorah Mormont, più patetico che mai, ha rapito Tyrion (qui il riassunto della scorsa puntata): il suo obiettivo è portarlo da Daenerys, sperando così di essere perdonato per aver tramato nell’ombra il suo assassinio. Nonostante la piccola Targaryen non sia molto scaltra, infatti, non ha ancora perdonato l’orso per questo grave affronto: e, diciamocelo chiaramente, non per una questione politica o di principio. Che sappiamo tutti che se Jorah fosse stato di suo gradimento, non avrebbe esitato a perdonarlo. Cretina.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Jorah ruba una zattera e affronta il mare aperto per tornare dalla sua bella. Tutto molto romantico, se non fosse per il fatto che l’ha rubata a un povero disgraziato che passava di lì per caso. Gli lascia però due euro, perché, come gli ha insegnato la madre, “noi non ci facciamo parlare dietro da nessuno”. Tyrion fa di tutto per farsi ammazzare, ma riesce solamente a farsi dare un pugno in faccia.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Intanto, sulla nave per Dorne, Jamie e Bronn, invece di parlare della missione stupida e suicida in cui si sono avventurati, si mettono a disquisire in maniera deliziosa sugli usi e costumi di Dorne e della loro passione per la politica interna.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Passo baldanzoso e aria coatta, Bronn è il classico tipo che butterei in un covo di femministe che hanno fatto della violenza contro gli uomini il loro credo. Così eh, tanto per ridere.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Arrivati a Dorne in piena notte per non farsi scoprire, Jamie e Bronn si incamminano poi verso il castello in pieno giorno, camminando sulla spiaggia senza neanche mettersi un cappuccio o un turbante in testa per non farsi riconoscere. Ed è a loro che, con gioia sincera, vorrei dare il premio “Volpe” della quarta puntata di Game Of Thrones: due minuti per essere scoperti dalle guardie del re, tanto è durata la loro copertura.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Sei in missione segreta per conto di quella malata mentale di Cersei Lannister? Vuoi non farti scoprire dal re di Dorne mentre tenti di rapire tua figlia? Fai come Bronn e Jamie: lasciati una scia di morti dietro e la tua incompetenza sarà pari solo al surrealismo di quanto sta accadendo.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Ad Approdo del Re, Cersei continua a mietere un successo politico dopo l’altro: dopo essersi fatta odiare anche dalla sua famiglia, adesso sta mandando via tutto il Consiglio del Re. Non conosciamo ancora i loschi obiettivi della Regina Madre, ma una cosa è certa: se vuoi governare lo stai facendo male.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Ha armato dei pazzi furiosi che si fanno i disegnini in testa e poi vanno in giro a fare i guardoni nei bordelli.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Guardoni che sprecano l’alcol (vi auguro insalata a Natale e calzini del mercato come regalo di compleanno).

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

E tutto perché Cersei voleva far arrestare ser Loras Tyrell, fratello della regina Margaery. Una suocera adorabile, la cui dedizione per la famiglia è paragonabile a quella di Anna Maria Franzoni.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Non voglio assolutamente pronunciarmi su quest’imbecille.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Sulla Barriera non si può mai stare tranquilli: se non ti attaccano i Bruti o i morti, arriva Milf-Melisandre di turno che ti si spoglia davanti e cerca di sedurti. Con l’integrità morale di un Papaboy, Jon Snow rifiuta le avance della vecchia, usando come scusa la compianta Ygritte: non per darti contro, oh uomo dai sani principi, ma permettici di dubitare della forza del tuo amore, dato che hai promosso di grado quel ragazzino inquietante che l’ha ammazzata. “Oh, e un’altra ce la siamo levata dai coglioni”.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Fossi in te Jon, cercherei di colmare le mie lacune scolastiche.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

A Meereen, Daenerys continua a essere incapace di gestire la situazione. I Figli dell’Arpia attaccano il suo esercito di Immacolati in pieno giorno, ammazzando tutti tranne Verme Grigio – per ora – che resiste eroicamente in un improbabile “uno contro venti”.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Ser Barristan si accorge che qualcosa non va e corre in soccorso degli uomini della sua regina. Patetico vecchio, cosa credi di fare? E invece il cavaliere se la batte, in una lotta improbabile quanto quella di Verme Grigio.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Non ho capito se sono morti o no.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Si dice che a Dorne l’ospitalità sia una cosa sacra: cosa c’è di più divertente che giocare a ricoprirsi con la sabbia? Molte cose, probabilmente, inclusa quella di martellarsi le palle da soli.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Un consiglio: se non vuoi farti ammazzare dalle figlie di Oberyn Martell, magari la prossima volta evita di andare a dirgli “Oh sapete, ho introdotto dei rapitori Lannister a Dorne! ”. Faccio per dire eh, è solo un consiglio da amica, poi fate come vi pare.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Epic Win. Io tifo Dorne.

Game of Thrones S5E4: massacres, vengeance et petits bateaux

Al prossimo mercoledì, con i riassunti semiseri di Game Of Thrones!

Crediti: archivi web