Gabriel Garko: "Ciucciamelo" e "sperma", la porno-intervista del valletto con Il Giornale

Gabriel Garko, attore e valletto
Ecrit par

Gabriel Garko shock! Il valletto-presentatore di Sanremo si concede un'intervista senza censure con Il Giornale, rivelando i suoi lati più promiscui. Scopri tutto su meltyBuzz.

Gabriel porko! Così Il Giornale avrebbe dovuto titolare, in occasione dell'intervista pubblicata oggi al presentatore/valletto di Sanremo. Sì, perché il buon Gabriel, in presenza dell'intervistatrice del giornale di Sallusti, si è finalmente lasciato andare, facendo dimenticare per un attimo le gaffe e gli impaperamenti sul palco. L'attore de L'Onore e Il Rispetto ha raccontato molte cose di se stesso, della propria compagna Adua (con la quale non vuole sposarsi, perché i contratti sono "la tomba del sesso"), dell'eventualità di avere figli (" li voglio, anzi ho anche aspettato troppo tempo, ho già 43 anni, ne vorrei adottare uno e farne anche altri») e del fatto che non ha subito nessuno intervento di chirurgia plastica ( Ancora con questa storia: non mi sono rifatto gli zigomi, non ce li ho neanche... E quelle foto circolate con l' effetto botox erano tutte ritoccate...»).

Nella parte finale dell'intervista, tuttavia, il buon Gabriel (che ieri ha dato prova di molta auto-ironia sul palco) ha iniziato a scendere nei dettagli più osé della propria vita privata, raccontando due aneddoti veramente bollenti. Il primo riguarda, paradossalmente, una domanda sull'utero in affitto. Gabriel ha raccontato: "Una volta una giornalista russa mi fece un' intervista, poi mi perseguitò con continue richieste, mi braccava, si faceva trovare davanti al mio cancello, mi mandava biglietti: voleva il mio sperma per fare un piccolo Garko, scriveva così...Io non gliel' ho affittato». Il secondo aneddoto riguarda invece le parolacce e la disinvoltura con il tema "omosessualità". Così ha risposto il buon Gabriel ad una domanda sui tweet riferiti alla sua presunta bisessualità: "Ma sì, io ci gioco un sacco. Quando arrivo sul set la prima parola che dico sempre è: Ciucciamelo, pensa se mi sentissero quei perfidi che scrivono contro di me..."

Crediti: garko, rai