Francesco Sole: L'ennesima frase copiata su un post-it

Francesco Sole copia ancora
Ecrit par

Francesco Sole è stato tacciato ancora una volta di aver copiato dal web. Questa volta, la frase incriminata compare su uno dei suoi post-it. Leggi di più su meltyBuzz!

Francesco Sole ne ha fatta un'altra delle sue. Dopo varie accuse di plagio, tra cui quella della frase scritta nel cruciverba, la Webstar ci è cascata di nuovo, copiando dal Web una frase e applicandola a uno dei suoi famosi post-it in cui scrive massime sulla vita e pensieri che dovrebbero appartenergli. "È triste un mondo in cui le dita sfiorano più cellulari che volti", ha scritto sulla bacheca di Facebook, spacciando la frase come sua. In realtà la citazione è da un utente che si chiama Michelangelo Da Pisa, che aveva scritto la stessa frase molto prima di Francesco Sole. "E' triste un pianeta abitato da giovani le cui dita sfiorano più cellulari che volti", è l'originale. Al plagio è seguita l'accusa dell'utente: "È triste un mondo in cui un bipede col quoziente intellettivo di un portaombrelli creda di avere il diritto di poter indossare delle idee altrui perché privo delle benché minime capacità dialettiche e grammaticali per porle in essere". Internet rende possibile davvero tutto: perfino diventare popolari grazie a idee altrui.

La frase di Francesco Sole:
La frase originale:
Crediti: facebook