Facebook: L'icona "amici" è sessista, la web designer la cambia

Facebook ha cambiato l'icona amici ritenuta troppo sessista
Ecrit par

La web designer di Facebook Caitlin Winner ha modificato la squallida icona "amici" del social network perché insopportabilmente sessista. Scopri di più su meltyBuzz.

Il sessismo si annida anche e soprattutto nei dettagli. Lo sa bene la web designer di Facebook Caitlin Winner che, visto che non aveva niente di meglio da fare - come abbiamo visto c'è poco da modificare nell'interfaccia del social network - ha scovato un dettaglio mostruoso che non si sa come mai è sfuggito ai più: la squallida icona "amici" in alto a destra. Eh sì. Molti di voi, maschilisti incalliti, non l'avranno notato, presi come siete dalle foto in bikini dei vostri contatti femminili, ma la coppietta che l'icona rappresenta non rispetta affatto i criteri di uguaglianza tra i sessi. La spalla destra della donna, infatti, presenta un'evidente malformazione, creata appositamente per fare spazio all'ingombrante sagoma del maschio dominante che, udite udite, è pure più alto di lei. Insomma, uno scandalo di dimensioni epocali passato inosservato e lasciato lì alla luce del sole, alla portata di tutti. Così, la Winner - web designer e "pittrice part time" - ha deciso una volta per tutte di guadagnarsi lo stipendio, si è rimboccata le maniche della camicetta (da uomo, ovviamente) e ha imposto una svolta clamorosa. Quella che vedete qui sotto.

Facebook: L'icona "amici" è sessista, la web designer la cambia
Facebook: L'icona "amici" è sessista, la web designer la cambia

Wow! Ora sì che cambia tutto. Le due sagome hanno la stessa altezza e la donna, dopo aver dato un'immaginaria spallata al suo partner e averlo fatto scendere dal piedistallo, ha finalmente preso il posto che le spetta. Davanti al maschio. Sì, perché comunque i due non sono uno affianco all'altra, se ci fate caso. Giacchè c'era, prima delle meritate vacanze estive, la Winner si è incaponita anche su un altro dettaglio essenziale: il taglio di capelli dell'icona femminile. Via quella pettinatura casta e desueta da buona madre di famiglia tutta fornelli e wc e spazio al dinamismo: ecco un carré meno rigido e più sbarazzino. Mentre il ciuffo ribelle dell'uomo - simbolo inequivocabile per rappresentare il peggiore degli edonisti - è stato eliminato in favore di un taglio più ordinato con la riga su un lato. Ora sì che si ragiona. Ben fatto, signora Winner. C'è solo un dettaglio: lei non pensa che ci siano molte donne che amano portare i capelli corti e che non si sentono affatto rappresentate dall'immagine che lei vuole imporre? E che dire dei metallari, ad esempio. Non crede che abbiano qualcosa da ridire nel vedersi raffigurati con quel taglio da fighetti hipster? Ci pensi. Ci rifletta molto attentamente, al rientro dalle meritate vacanze.

Federico Iarlori - @fredjarl

Crediti: facebook, Facebook