Emma Watson nuda: "Emma you are next" era una campagna contro 4chan

L'attrice britannica Emma Watson
Ecrit par

La pagina emmayouarenext.com, creata da un hacker per minacciare la diffusione delle foto intime di Emma Watson, era in realtà una pagina di marketing virale contro 4chan. Scopri di più su meltyBuzz.it.

Ve lo ricordate il sito emmayouarenext.com? Sicuramente se la ricorda molto bene l'attrice britannica Emma Watson, che dev'essersela vista brutta quando l'hacker già responsabile del furto delle foto intime della collega Jennifer Lawrence, ha minacciato di fare lo stesso con lei dopo che la Watson ha pronunciato il suo viralissimo "discorso femminista" all'ONU. Quel sito, infatti, non era altro che un vero e proprio countdown per la diffusione delle foto della celebre interprete di Hermione nella saga di Harry Potter. Perché uso l'imperfetto? Provate a cliccare sul sito e ve ne renderete conto. Eh sì, il countdown è sparito e il suo posto è stato occupato da un'azienda di marketing, Rantic, che propone una campagna per chiudere 4chan - il forum su cui sono state diffuse le foto intime delle celebrities - con tanto di lettera a Barack Obama: "Lo scandalo delle foto rubate alle star negli ultimi due mesi - si legge nella nota - è stata un'invasione della privacy e anche la chiara indicazione che internet NECESSITA' di essere censurato". Che ne pensate?

Altri articoli su Emma WatsonEmma Watson: Le reazioni su Twitter al discorso sul femminismoEmma Watson nuda: Dopo il discorso all’Onu le minacce dell’hackerEmma Watson, Jennifer Lawrence e Kaley Cuoco: Le minacce di un hacker sessistaJennifer Lawrence e Emma Watson: Quando l'unione non fa la forza

Il countdown che figurava nella home del sito emmayouarenext.com
Emma Watson nuda: "Emma you are next" era una campagna contro 4chan
Il sito emmayouarenext.com come appare ora
Emma Watson nuda: "Emma you are next" era una campagna contro 4chan
Il messaggio a Barack Obama per la chiusura di 4chan
Emma Watson nuda: "Emma you are next" era una campagna contro 4chan
Crediti: web , Archivio web, getty