Edoardo Ferrario: Gli esami? Non finiscono mai! (intervista)

Edoardo Ferrario nella serie web Esami
Ecrit par

Edoardo Ferrario è un giovane comico che da poco ha debuttato su Youtube con la web serie "Esami", girata nel Dams di Roma. Divertente e spietato, "Tutto quello che racconto l'ho vissuto", ci ha svelato nell'intervista, insieme a molte altre cose. Di più su meltybuzz.it.

Brillante imitatore e comico, Edoardo Ferrario ha debuttato il 25 gennaio su Youtube, lanciando una web serie chiamata "Esami". Con circa duemila iscritti e 62 mila visualizzazioni in poco più di una settimana, l'apertura del canale Youtube è stata un successo. D'altronde Edoardo Ferrario parte da una base solida: vincitore del premio Troisi nel 2011, è stato lanciato sul piccolo schermo da Sabina Guzzanti (nel programma "Un, Due, Tre, Stella! ") e ha poi collaborato anche con Caterina Guzzanti in "La prova dell'Otto", continuando nel frattempo a esibirsi live nel suo show Cocktail Comedy Club all'Oppio Caffè di Roma. Nell'intervista telefonica ci ha svelato come è diventato un comico e come è nata l'idea della web serie "Esami".

Edoardo Ferrario: Gli esami? Non finiscono mai! (intervista)

Ciao Edoardo! Innanzitutto, raccontaci come è iniziata la tua carriera da comico. Studiavi Giurisprudenza... Quando c'è stata la svolta? Studiavo Giurisprudenza, ma diciamo che ho sempre avuto una passione per la comicità. Durante gli studi mi sono iscritto a una scuola di scrittura comica. Facevo live a Roma, ma la vera svolta c'è stata quando durante il live del primo spettacolo scritto da me ("Battute Fomento", ndr) mi ha notato Sabina Guzzanti e mi ha proposto di partecipare al suo programma "Un, due, tre, stella! ". Da lì poi è nata la collaborazione con Caterina Guzzanti ne "La prova dell'Otto".

A chi ti ispiri? Quali sono i tuoi personaggi preferiti nel mondo della comicità di oggi? Sicuramente la famiglia Guzzanti (Corrado Guzzanti in primis) è stata una fonte di ispirazione per me, oltre ad avermi aiutato tantissimo. Ammiro molto Carlo Verdone e Antonio Albanese, ma per i miei sketch mi ispiro soprattutto agli stand-up comici americani e inglesi, che qui in Italia non esistono, come quelli di Bill Hicks e Doug Stanhope.

Qual è stata la più bella esperienza (lavorativamente parlando) della tua vita? Sicuramente la partecipazione al programma di Sabina Guzzanti. Ricordo ancora l'emozione provata prima di salire sul palco. Era la prima volta in tv per me, ed era completamente diverso da qualsiasi cosa avessi fatto prima.

Hai debuttato da poco più di una settimana su Youtube. Come è nata l'idea di "Esami - La serie"? L'idea mi girava in mente già da quando ero all'università. Vedevo e vivevo così tante situazioni comiche (ma che al momento mi facevano incavolare) che mi è venuto spontaneo farne una serie. Anche i due registi, che poi sono miei amici (Matteo Keffer e Maurizio Montesi, ndr), frequentavano l'università, e anche loro avevano voglia di raccontare gli episodi più divertenti dei loro anni universitari.

Edoardo Ferrario: Gli esami? Non finiscono mai! (intervista)

Pensi che Youtube possa diventare la tua piattaforma privilegiata? Non saprei, noi abbiamo scelto Youtube per pubblicare le puntate di "Esami" perché ci sembrava il modo più immediato ed efficace. La serie sarà online dalla prima all'ultima puntata, ma per il futuro dubito che possa diventare il mio canale di riferimento. Però, non si può mai sapere.

Quali esperienze hai vissuto in prima persona tra quelle che racconti? Quasi tutte, quella dell'assistente sicuramente! Non mi sono mai provocato la lacrimazione volontaria a un esame (come accade nella prima puntata della serie alla "studentessa"), ma ho visto delle mie amiche farlo. Tutto quello che racconto deriva da quello che ho visto che ho vissuto, o visto con i miei occhi, o che al limite mi è stato raccontato dai miei amici. E, lo vedrete, alcune scene sono davvero incredibili!

Credi che gli stereotipi che prendi in giro nei tuoi video siano ancora così diffusi nelle università? Dove finisce la satira e dove comincia la realtà? I miei video sono una versione iperbolica di quello che accade nelle università, io voglio accentuare ciò che succede tra quelle quattro mura. Non mi è mai capitato che un assistente mi facesse vedere la foto della sua fiamma durante un esame, ma che si distraesse sicuramente sì!

Che temi affronterai nelle prossime puntate? Ci saranno tutte le facoltà? Più o meno sì, abbiamo cercato di trattare tutte le facoltà. Ci saranno molti altri episodi divertenti che meritano di essere guardati, ma non voglio anticipare nulla! Pensate alle situazioni più comiche che avete vissuto voi stessi e... state sicuri che le ritroverete.

Dove sono girati i video? I video sono girati nel Dams di Roma. Non è stata una vera e propria collaborazione, ma l'ateneo ci ha messo a disposizione volentieri un'aula per girare i filmati. D'altronde, chi meglio di un'istituzione artistica e cinematografica poteva capire il nostro progetto?

Edoardo Ferrario: Gli esami? Non finiscono mai! (intervista)

Hai avuto diverse esperienze sul piccolo schermo (Un, Due, Tre, Stella! ", "Neri Poppins"). Preferisci il contatto diretto con il pubblico? Il live e il registrato sono due cose completamente diverse. Quando sei davanti al pubblico, a contatto diretto, puoi avere una risposta immediata ai tuoi pezzi, lo vedi se li stai facendo ridere o meno. Invece davanti alle telecamere non c'è questa velocità, quindi non puoi sapere se stai andando bene o no, se la reazione al tuo sketch sarà negativa o positiva. Mi piacciono entrambe le cose, ma non rinuncerei mai ai live.

Hai mai ricevuto critiche durante la tua carriera? Come ti poni verso chi critica il tuo lavoro? Non mi è mai successo (almeno che io sappia) di ricevere critiche, o almeno non apertamente. Di certo, non sono mai stato costretto ad abbandonare l'Italia perché a qualcuno non andavo bene. In ogni caso, se capitasse accetterei di buon grado qualunque critica costruttiva.

Quali sono i tuoi progetti futuri? Voglio continuare a fare il comico e vedere come va! Se l'esperienza su Youtube sarà produttiva, sicuramente replicheremo, poi è sempre possibile che si aprano altre porte nel mondo della tv. Continuerò a fare i live nel locale romano Oppio Caffè, è una cosa a cui per il momento non voglio rinunciare.

Un'ultima domanda... Se non fossi un comico, cosa saresti? Mmm, probabilmente... Un alpino!

Intervista a cura di Francesca Canelli

Edoardo Ferrario: Gli esami? Non finiscono mai! (intervista)
Edoardo Ferrario: Gli esami? Non finiscono mai! (intervista)
Crediti: Google, Youtube