Domande Ignoranti ad Aziende Zelanti: L'intervista esclusiva

Domande Ignoranti ad Aziende Zelanti
Ecrit par

Abbiamo intervistato gli admin della divertentissima pagina Facebook “Domande ignoranti ad aziende zelanti”. Leggete le loro risposte in esclusiva per noi.

Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Gennaro Esposito, Marco Barbieri e Gaetano Muscariello, i nomi d'arte che stanno dietro alla divertentissima pagina Facebook “Domande Ignoranti ad Aziende Zelanti”. I tre ragazzi, in una pausa dagli studi universitari, lessero su un pacchetto di Cipster l'invito a seguire l'azienda su Facebook. Increduli di fronte al fatto che ci fossero persone interessate a mettere il like a delle aziende che non producono contenuti divertenti o particolarmente interessanti, decisero di approfondire la questione. Fu così che, dopo una breve verifica online, si aprì davanti a loro un mondo di casalinghe dubbiose sulla qualità degli ingredienti e celiaci in festa per l'adattamento del prodotto alle loro esigenze. La cosa che più li colpì fu che, nonostante gran parte delle richieste fossero colme di analfabetismo, le aziende rispondessero sempre. Da quel momento i tre iniziarono a scrivere ai vari customer service, ponendo domande sgrammaticate ai limiti dell'assurdo per leggere le eventuali risposte. Le risposte arrivarono, e data la grande mole di materiale raccolto, quello che inizialmente costituiva un semplice passatempo si tramutò nella pagina Facebook “Domande Ignoranti ad Aziende Zelanti”.

Il logo della Pagina

L'analfabetismo funzionale è alla base del vostro successo. Non vi sentite un po' in colpa? Non ci sentiamo in colpa nei confronti degli analfabeti funzionali, dato che ci limitiamo ad emularli senza mai offenderli in modo diretto, né tantomeno nei confronti dei customer service, in quanto nell'approccio cerchiamo sempre e comunque di mantenere una certa etica. Le uniche persone verso cui ogni tanto proviamo un senso di colpa sono i nostri stessi fan, perché talvolta non riusciamo a essere tanto analfabeti quanto coloro che lo sono realmente! Puoi essere "studiato" quanto vuoi, ma non potrai mai competere con chi porta l'ignoranza come dote naturale. Picasso diceva: “Tutti i bambini sono degli artisti nati: il difficile è continuare ad esserlo da grandi”. Bene, noi abbiamo riadattato questa citazione in: “Tutti gli ignoranti sono degli artisti nati: il difficile è continuare ad esserlo da studiati”.

Occhio a quello che si può fare su Air France

Quanto è triste constatare che le vostre geniali trovate spesso siano confuse con vera idiozia? È molto triste vedere che spesso numerose persone prendano per oro colato tutto ciò che leggono sul web; allo stesso tempo le loro reazioni ci fanno capire che abbiamo fatto un buon “lavoro” ponendo domande di una certa credibilità.

Una bella soddisfazione

Sappiamo che spesso i vostri interventi sono screenshottati e riutilizzati senza crediti. La cosa vi dà molto fastidio? È necessario fare una distinzione: alcune pagine trovano casualmente i nostri post sulle bacheche delle aziende e li pubblicano senza essere consapevoli del fatto che gli autori siamo noi. Seppur ci faccia sorridere che molte di esse siano convinte della veridicità di queste domande, non ci vediamo nulla di male. Altre grandi pagine invece conoscono perfettamente i nomi dei nostri Domandatori Ignoranti e lo scopo delle loro domande, e nonostante questo si ostinano a pubblicare i contenuti da noi inventati, spacciandoli per veri ai loro fan. Sebbene tutto ciò che viene postato su Facebook sia di dominio pubblico, ci farebbe piacere ricevere almeno una citazione.

Un altro divertentissimo fake

Quante volte è capitato che testate di una certa rilevanza prendessero sul serio le vostre trovate? Fortunatamente per queste testate, sono pochi i casi in cui sono state prese in considerazione. Ricordiamo con piacere quella volta in cui una delle nostre domande, quella alla camomilla Bonomelli utilizzata per sbaglio come stupefacente, fu creduta vera e letta in prima serata su Rai 3 durante la trasmissione “Gazebo”. Altre volte è capitato che alcuni giornali legati ai più svariati movimenti politici utilizzassero le nostre domande per mostrare il degrado dell'attuale società italiana.

Lo scherzo alla Bonomelli su Gazebo

È con grande orgoglio ed immodestia che vi annunciamo che SIAMO FINITI IN TV!!!!!!! Più precisamente una delle domande poste dal nostro Gennaro Esposito è stata letta nella Social Top Ten di Gazebo, in prima serata su Rai3; qui di seguito potete visionare il filmato. Siamo felicissimi e soddisfatti, poiché questo è un grande passo per una pagina ancora piccola ed umile come la nostra: insomma, stiamo bruciando le tappe (ebbene sì, spesso e volentieri andiamo ad appiccare fuoco alle ragazze di bassa statura insieme a Mimmo). Continuate a sostenerci, vi vogliamo bene <3 p.s.: un grande ringraziamento alla nostra fan Penelope per la segnalazione!

Pubblicato da Domande Ignoranti ad Aziende Zelanti su Martedì 14 luglio 2015

A quale post siete rimasti più legati? In realtà sono molti, ma per non rovinarvi la sorpresa abbiamo scelto i tre più caratteristici. Per la categoria “Prove di pazienza” ci è rimasta nel cuore la domanda rivolta all'Acquario di Genova, in cui si chiede se sia possibile fare il bagno con le più disparate specie animali (ricevendo sempre risposte minuziose e cordiali). Per la categoria “Amanti degli animali”, ci fa piacere ricordare la domanda posta alla Lipu, relativa ai migliori metodi per sterminare i fastidiosi piccioni. Infine, per la categoria “Zelanti Brillanti” ci è rimasta impressa la pazienza che ha avuto l'impiegato della Findus nella creazione con Paint di un autografo con dedica di Capitan Findus (per la cronaca, morto otto anni fa).

Crediti: Domande Ignoranti ad Aziende Zelanti