Andrea Diprè: In Thailandia "sesso e prostitute giorno e notte"

Andrea Diprè in Thailandia
Ecrit par

Torna come ogni giovedì la rubrica di Andrea Diprè su meltyBuzz: stavolta l'avvocato ci ha raccontato la sua giornata tipo in Thailandia, tra sesso e locali.

Andrea Diprè e Max Felicitas si stanno godendo la vacanza in Thailandia, offerta loro da CAM4. Prima a Pattaya poi a Bangkok, i due hanno pubblicato online diversi video scherzosi (ad esempio quello in cui Diprè balla la breakdance), ma anche molti filmati e foto in cui sono accanto a diverse ragazze che promettono di fare sesso con loro. In occasione della rubrica del giovedì, abbiamo chiesto a Diprè di raccontarci qualcosa in più del soggiorno in Thailandia. Senza farsi pregare, l'avvocato ha spiegato come si svolge la sua giornata tipo, quante volte e con chi fa sesso durante un giorno e quali sono le usanze thailandesi, affermando convinto che "Pattaya, come tutta la Thailandia, è la patria del dipreismo" e che "Max Felicitas è un ottimo compagno di avventura perché la pensa come me sul sesso libero".

"Sono in Thailandia da 5 giorni con Max Felicitas e a breve ci sposteremo a Bangkok - racconta Diprè - finora posso dire che la Thailandia è la capitale mondiale del sesso. Qui le donne sono tutte prostitute, pronte a fare sesso. Non penso ci sia al mondo un paese in cui è più facile ottenere sesso, è il paradiso del dipreismo". La "dottrina" inventata da Andrea Diprè si basa infatti su sesso, droga e soldi cash, e la Thailandia a quanto pare soddisfa in pieno il primo punto. "La mia giornata tipo? Ci alziamo in genere alle 13 e andiamo in un centro massaggi con happy end, quindi un massaggio con fellatio finale. Poi andiamo a mangiare qualcosa e iniziamo il giro nei bar e nei locali, in cui le ragazze ti vengono incontro e ti toccano le parti intime. E' un posto straordinario. Poi compriamo, di media, tre ragazze al giorno e le portiamo in hotel, dove facciamo sesso con loro".

Diprè passa poi a parlare delle usanze thailandesi: "Qui in Thailandia ho rafforzato la mia fede dipreista. Ho visto molti tempietti buddhisti o di qualche religione induista, accanto ai quali la gente mette delle bevande rosse perché gli dei scendano a berle - racconta Diprè - Inutile dire che trovo molto infantile questa religione, così come il cattolicesimo: l'unica fede in cui credo è il dipreismo". Poi continua: "Non abbiamo dedicato nemmeno un secondo alla visita di monumenti o paesaggi naturalistici. Passiamo il tempo nei bar o a fare sesso in hotel. continuano ad arrivare prostitute nella mia stanza e in quella di Max, è una cosa assurda". L'avvocato parla anche dei "lady boy", transessuali che sono uomini con sembianze femminili: "Per me sono delle creature mitologiche: sono vere femmine, bellissime, che al contempo hanno il pene. Rispondo agli insulti di chi mi accusa di andare a trans: i lady boy sono femmine bellissime e farsi fare una fellatio da un lady boy va benissimo. Chi insulta non può capire". Dipè conclude omaggiando Max Felicitas, "compagno ideale per questo tipo di viaggio".

Crediti: facebook