Denuncia il sessismo nei videogiochi e viene minacciata su Twitter

Anita Sarkeesian
Ecrit par

È stata minacciata pesantemente sul web Anita Sarkeesian, un’attivista femminista e massmediologa, che aveva attaccato i videogiochi definendoli sessisti. La Sarkeesian si trova da alcuni amici per paura di nuovi attacchi.

Anita Sarkeesian, massmediologa americana e creatrice di Feminist Frequency, un portale che raccoglie i video per spiegare in che maniera le donne sono rappresentate nella cultura pop, ha recentemente denunciato il sessismo che, a detta sua, è ancora molto presente all’interno di molti videogiochi. La Sarkeesian spiega in un filmato che i videogame dipingono le donne come delle fanciulle in pericolo, dei trofei da conquistare, o delle vittime al servizio di personaggi e giocatori di sesso maschile. Le reazioni su Twitter da parte di alcuni gamers, in seguito a questa denuncia, non si sono fatte attendere e sono state più gravi e minacciose di quanto ci si sarebbe potuto aspettare. Commenti violenti e e-mail d’insulti hanno caratterizzato quella che può essere una vera e proprio campagna d’odio nei confronti dell’attivista femminista, tra le quali spicca la frase di un utente che ha minacciato di ucciderle i genitori, di stuprarla, mutilarla e infine “bere il suo sangue.” A questo punto è lecito pensare, viste le reazioni, che Anita Sarkeesian (la quale si è fatta ospitare da alcuni amici per prevenire qualsiasi azione violenta nei suoi confronti), avesse avuto ragione almeno sul pubblico di questo genere di videogiochi.

Altri articoli su FemminismoBoldrini: Il video della polemicaLaura Boldrini: Il video dello scontro con i deputati M5SLe casalinghe della pubblicità di Eden Park: Provocazione o sessismo?Mondiali 2014: Le tifose più sexy tra successi e sessismo

La minaccia su Twitter ricevuta da Anita Sarkeesian
Il video pubblicato dalla Sarkeesian
Denuncia il sessismo nei videogiochi e viene minacciata su Twitter
La massmediologa americana Anita Sarkeesian
Denuncia il sessismo nei videogiochi e viene minacciata su Twitter
Crediti: web