Denis ed il pugno a Tonelli: Tutte le conseguenze del cattivo esempio di Papa Francesco

Il cazzotto di Denis secondo la volontà di Papa Francesco
Ecrit par

IL CORRIERE DELLA RESA – German Denis si è beccato una lunga squalifica per aver tirato un cazzotto al calciatore dell'Empoli Tonelli. Non è l'unico brutto gesto nato dall'interpretazione letterale delle citazioni di Papa Francesco.

Secondo una recente statistica che ho trovato scritta su un foglietto in cucina, gli stadi di calcio risultano essere i luoghi con la maggior concentrazione criminale in Italia, persino superiore a quella riscontrabile in parlamento. E la statistica si riferisce a quando gli stadi sono vuoti! Figuratevi cosa può succedere la domenica (non lo sapremo mai, la sociologa addetta allo studio è stata cotta allo spiedo poche domeniche fa da un gruppo Ultras che non citerò perché ci tengo alla mia auto) durante le partite! Siamo abituati, ormai, a vedere la violenza negli stadi come un qualcosa di confinato sugli spalti, ma non è così. Domenica scorsa German Denis si è preso 5 turni di squalifica (più di quanto sconterà Berlusconi al termine dei suoi processi) per aver tirato un pugno al calciatore dell'Empoli Lorenzo Tonelli. Nella giustificazione data dal d.g. atalantino Marino, scopriamo quale sia il riferimento a cui Denis si è ispirato per compiere il suo gesto: Papa Francesco e la sua ormai celebre dichiarazione sul diritto a tirare pugni a chi offende la mamma. Si tratta di una battuta, ovviamente, ma non sono pochi gli atteggiamenti (quasi tutti) negativi che si stanno diffondendo nella società italiana a seguito di interpretazioni letterali delle parole di Papa Francesco: Il Corriere della Resa ne ha scoperti altri per voi.

Dopo questa frase, la catastrofe

Direzione Nazionale del PD. Partiamo proprio dalle parole del pontefice sulle mamme ed i cazzotti. Ciò che sta avvenendo all'interno del Partito Democratico ricorda, per i nostalgici della precedente modalità utilizzata per dirigere il Partito, un'offesa alla famiglia ed alle radici. Nell'infuocata Direzione del PD sull'Italicum, pare sia stata la fervente cattolica Rosy Bindi a consigliare a Bersani di tirare un cazzotto a Renzi sotto l'egida delle frasi di Papa Francesco. Dopo una breve discussione con Civati ed il nuovo leader della sinistra Gianni Morandi, però, Bersani ha deciso di non procedere con il pugno ma di ribellarsi nei confronti della dittatura di Renzi con una mossa simbolica molto forte ed immediatamente percepita come rivoluzionaria dai simpatizzanti del PD, trasformando completamente le ultime dichiarazioni di dissenso sull'Italicum: non saranno più da considerare un quintultumatum ma un ben più temibile quartultimatum. Civati aveva proposto il terzultimatum, ma si è ritenuto opportuno non fare il passo più lungo della gamba.

Renzi visibilmente preoccupato a causa della minoranza PD

Il Diavolo nel XXI secolo. Uno dei fulcri della dottrina ampiamente progressista di Papa Francesco è la presenza del Diavolo anche nel XXI secolo. A causa di queste dichiarazioni, sono fiorite in televisione una serie di trasmissioni sul paranormale, sui miracoli e sugli esorcismi. Con questa notizia vogliamo rassicurare quanti di voi, facendo colazione con la tv sintonizzata sulle reti RAI, si fossero trovati ad ascoltare interviste ad esorcisti, veggenti o altre simili amenità: non è colpa del post-sbornia, è proprio la normale programmazione tv.

Secondo indiscrezioni, dopo aver sistemato il Diavolo, nella prossima enciclica Papa Francesco metterà al loro posto anche quegli arroganti dei draghi.

Omosessualità. Ha fatto piuttosto scalpore la vociferata bocciatura che il Pontefice avrebbe riservato alla candidatura di Laurent Stefanini come nuovo ambasciatore francese in Vaticano. La dichiarata omosessualità del diplomatico sarebbe stata la causa del rifiuto, anche se dalla Santa Sede è arrivata una secca smentita sulla ricusazione di Stefanini in seguito all'incontro col Papa: "Sua Santità non organizzerebbe mai un incontro con un gay", ha specificato difatti l'addetto stampa. Ispirati dal conciliante gesto avvenuto Oltretevere, sarebbero molti i commercianti cattolici che stanno ricusando gli omosessuali come clienti: se per le cristoteche non si è notato un calo del volume d'affari visto che erano già deserte, sembra che tra i venditori di abiti talari ci sia stato un crollo del fatturato del 70%.

Finalmente il meccanismo dell'otto per mille viene spiegato chiaramente in un filmato

Vino. Chiudiamo in bellezza con una curiosità divertente. Una delle tante frasi di Papa Francesco che sta influenzando la società italiana è quella che ha dedicato all'importanza dell'alcool nelle feste (sarà d'accordo il mio amico Domenico, che però forse aggiungerebbe anche un altro ingrediente per rendere la festa perfetta): "Non c'è festa senza vino, immaginatevi di finire le Nozze di Cana bevendo tè". Secondo l'attendibilissima rivista online TzeTze, lo Stato Italiano avrebbe onorato le parole del Papa attraverso l'istituzione del Corpo degli Alpini.

Crediti: web , Vista