Ciao Darwin e Andrea Diprè: La sottile linea trash

Il dipreismo ha contagiato Ciao Darwin?
Ecrit par

Tutti a criticare Andrea Diprè e i video con cui provoca quotidianamente gli internauti, ma è lui il re del trash (e delle views). Devono averlo capito pure gli autori di Ciao Darwin...

A fronte di centinaia di migliaia di visualizzazioni, Andrea Diprè è uno degli uomini più odiati della Rete. La sua storia (d’amore?) con Sara Tommasi, mostrata spesso in condizioni fisiche e psicologiche al limite del lecito, ha scandalizzato il pubblico e gli opinionisti - vi ricordate le dure invettive di Selvaggia Lucarelli? Ma Diprè non si è fatto intimidire. A partire da quel momento, è iniziata per lui una vera e propria discesa negli inferi. Il video sulla “ragazza che si nutre solo di sperma”, così come quello con la bambina che bestemmia, hanno nuovamente scandalizzato l’opinione pubblica. E tutto ciò, senza neanche tenere in considerazione il porno. L’amicizia (professionale?) con il pornodivo Max Felicitas e il contratto con il canale hard xtime.tv hanno proiettato l’avvocato youtuber nel tunnel dell'univrso hard. Ai video in compagnia delle sue “opere d’arte mobile” (vedi alla voce pornostar) si sono aggiunti quelli in diretta con le prostitute provenienti da ogni angolo del pianeta. Finché non sono arrivate le dichiarazioni shock sulle malattie veneree che gli sono valse un servizio delle Iene e un mare di polemiche sul web. Insomma, che sia nel bene o nel male, da quella famosa telerissa con il critico d'arte Achille Bonito Oliva a Mi Manda Rai Tre sono passati 5 anni, ma di Diprè è sempre sulla cresta dell’onda della viralità.

Il punto è proprio questo: nonostante i suoi prodotti abbiano oramai varcato i confini del trash, diventando scandalosi, immorali e diseducativi, il pubblico - pur criticandolo - non lo ha abbandonato. Anzi. La sua dispensa di freaks e affini è stata addirittura saccheggiata da una trasmissione televisiva record di ascolti che va in onda in prima serata su Canale5: Ciao Darwin. Non ci riferiamo solo alla madre natura Paola di Benedetto - già "amica" di Diprè - o a Giovanna Rigato - ex fidanzata dell’avvocato -, ma anche ai "casi umani" presenti nello studio del programma condotto da Paolo Bonolis, che - è difficile negarlo - assomigliano molto a quelli che Diprè presenta nella sua rubrica "per il sociale". E’ vero, Bonolis è stato già criticato per il fatto di condurre un programma trash, ma come abbiamo visto dalle reazioni sui social, il pubblico sembra apprezzare la vocazione assunta senza complessi del programma, che non si vende per quello che non è. Ergo: un dipreismo “edulcorato” - ovvero privato dei suoi aspetti più "politicamente scorretti" - è dunque perfettamente compatibile con l’intrattenimento nazionalpopolare? Voi che ne pensate? Venite a dire la vostra twittando al nostro account ufficiale @meltybuzz_it.

Crediti: web , Youtube, ciao darwin