Charlie Hebdo: Prima pagina con Maometto, le reazioni su Twitter

Charlie Hebdo, la nuova copertina
Ecrit par

Charlie Hebdo torna in edicola dopo i tragici fatti del 7 gennaio e non rinuncia alla sua vocazione provocatoria: di nuovo Maometto in copertina, ma sembra un'apertura nei confronti dell'Islam moderato. Leggi i commenti di Twitter su meltyBuzz.

Rialzarsi immediatamente. Questa l'intenzione dei redattori superstiti di Charlie Hebdo, che domani tornerà in edicola con tiratura molto superiore a quella classica (3 milioni di copie e 16 lingue, in Italia uscirà in allegato al Fatto Quotidiano), a pochi giorni dalla tragedia che ha decimato la redazione del periodico satirico. La copertina fa di nuovo subito discutere: Maometto è rappresentato con una lacrima che solca una sua guancia, mentre regge il cartello con la scritta #JeSuisCharlie (Sostenuta negli ultimi giorni anche da Maggie Simpson). Il titolo, in alto, richiama il perdono “Tout est pardonnè”. Tutto sembra far pensare ad una vicinanza nei confronti dell'Islam moderato, con Maometto che piange quello che hanno fatto alcuni in suo nome, travisando il suo messaggio, ed il testo distensivo nel titolo, che sembra rispondere alla campagna #NotInMyName lanciata nei giorni scorsi.

La prima pagina dell'edizione di Charlie Hebdo domani nelle edicole

La scelta forte di ripartire con Maometto ha ovviamente aperto di nuovo le polemiche, tra chi su Twitter vede dei peni nascosti nella vignetta di apertura e chi invece, come il legale di Charlie Hebdo Richard Malka, ricorda che "In 22 anni non c'è stata una edizione di Charlie Hebdo senza caricature del Papa, Gesù, preti o rabbini, imam e Mohammed. La cosa sorprendente sarebbe se non ci fossero". La comunità islamica francese è divisa, tra chi invita tutti alla calma e chi crede che non ci fosse bisogno di gettare ulteriore benzina sul fuoco. Qui è possibile leggere le reazioni di Twitter sulla prima copertina di Charlie Hebdo post-strage.

Crediti: web , Charlie Hebdo, la nuova copertina