Cecilia Rodriguez nuda, Harry Styles "incinto", 50 Sfumature: I Virus della Settimana

Cecilia Rodriguez "costretta" a spogliarsi all'Isola dei Famosi
Ecrit par

Cecilia Rodriguez "costretta" a spogliarsi all'Isola dei Famosi, Harry Styles "incinto" di Louis Tomlinson e l'attesa febbrile per l'uscita di 50 Sfumature al cinema. I Virus di questa settimana sono dedicati a chi nega l'evidenza. Scopri di più su meltyBuzz.

Ecco una nuova vittima della nostra società dello spettacolo. Si chiama Cecilia Rodriguez, è la sorellina della superstar Belen e ha deciso di partecipare all'ultima edizione dell'Isola dei Famosi perché è una donna intelligente e pudica. Mica per quello che pensate voi, incorregibili maschilisti da quattro soldi! Che cattivoni, gli autori del reality targato Mediaset: obbligare questa povera ragazza a mostrarsi come mamma l'ha fatta davanti a milioni di telespettatori. E per giunta in presenza di uomo. Non l'avremmo mai detto, ma Cecilia ha superato la prova con successo. Dopo aver minacciato di non voler sottostare alle regole della #PlayaDesnuda e dopo un evidente momento di imbarazzo, la bella ragazza argentina ha deciso di spogliarsi, nonostante la presenza indecente del modello francese Brice Martinet. Meno male che non era Rocco Siffredi - già campione di doppi sensi sull'Isola - sennò la ragazza avrebbe rischiato (poverina! ) di dover giacere sulla spiaggia con lo stallone italiano e mettere le corna al suo adorato e dolcissimo ragazzo Francesco Monte, ex tronista di Uomini e Donne, anche lui noto per la sua sensibilità e la sua discrezione. Detto questo, se non l'avessimo già vista nuda dappertutto sul web, tutto questo teatrino messo in scena da Cecilia sarebbe risultato un po' più credibile. Per fortuna che noi italiani abbiamo la memoria corta.

MI ISLA

Une photo publiée par Cecilia Rodriguez (@chechrodriguez) le

Harry Styles è un altro che - stando a quanto dicono i fan - si diverte a negare l'evidenza. La telenovela secondo cui il più amato degli One Direction sarebbe omosessuale, infatti, è diventata una guerra all'ultimo dettaglio. Prima era la strana passione di Harry per le banane, poi ancora i suoi messaggi misteriosi postati su Twitter e decriptati dai fan, poi il suo look effemminato sfoggiato a Los Angeles e commentatissimo dagli utenti sui social, ora lo scherzo viralissimo che sarebbe "incinto" del collega Louis Tomlinson. Insomma, non c'è pace per il cantante britannico, che è costantemente bersagliato dalle fan che vorrebbero che finalmente facesse il coming out. Ma perché non si decide? Forse perché questa storia alimenta un flusso indecifrabile di commenti che fa pubblicità al gruppo? Quella del presunto coming out sembra infatti essere diventata una precisa strategia di marketing. Perché non spingersi ancora più in là e non ipotizzare, ad esempio, che il manager del gruppo suggerisca a Harry di lasciare delle tracce qua e là per alimentare i gossip delle fan? Perché no? A Harry Styles non costerebbe nulla, altrimenti, dire a tutti come stanno le cose.

Su Jamie Dornan, invece, non c'è alcun sospetto di omosessualità. Non sia mai! L'attesissimo protagonista di 50 Sfumature di Grigio, infatti, rischierebbe di rovinarsi la piazza. Sebbene molti utenti sui social avessero dichiarato di preferire Ian Somerhalder nella parte del protagonista della trasposizione cinematografica della trilogia di E L James, a Jamie Dornan toccherà portare a termine un arduo compito: saziare la fame di un'orda di ragazze arrapate che da mesi non aspettano altro che vedere l'incarnazione del loro sogno erotico, così splendidamente evocato dalle parole dell'autrice della trilogia letteraria. Chi vorrebbe essere al suo posto? Nonostante si faccia a gara a dire quanto i libri dell'autrice americana fossero mediocri - un po' come quando tutti ci tenevano a dire di non aver votato Berlusconi anche se lui puntualmente vinceva le elezioni - l'attesa del film viene cavalcata in tutti i modi, a cominciare dalle parodie - da quella dei the JackaL a quella con i Simpson - che diventano tutte irrimediabilmente virali. Se la smettessimo di negare l'evidenza diremmo che - al di là dell'intrinseco valore letterario o cinematografico - non vediamo l'ora di vederci un porno "istituzionalizzato" al cinema senza doverci vergognare.

Federico Iarlori

Crediti: Gossip, Archivio web