Caso Cucchi: Si stirano i tendini a causa del dito medio, denunciano la famiglia

Un drappello di gentiluomini
Ecrit par

Gli agenti che hanno mostrato il dito medio alla famiglia Cucchi dopo l'assoluzione hanno chiesto il risarcimento dei danni ad Ilaria Cucchi perché uno di essi, nell'atto di compiere il gesto, si è stirato il tendine dell'avambraccio.

Un ragazzo entra in carcere senza nemmeno un graffio e sette giorni dopo ne esce in una bara pieno di ecchimosi, fratture ed emorragie. La sentenza di appello assolve tutti gli indagati per insufficienza di prove, ammettendo però che c'è un buco nero di omertà all'interno dello Stato che non le ha fatte venire fuori. Qual è la prima cosa che vi viene in mente per consolare Ilaria Cucchi, la sorella di Stefano, che da anni porta avanti coraggiosamente la battaglia per dare dei nomi agli assassini del fratello? Esatto, denunciarla per istigazione all'odio. Ed è proprio quello che ha fatto il SAPPE, il Sindacato della Polizia Penitenziaria, che trova perfettamente normale che una persona lasciata loro in custodia, dopo sette giorni muoia piena di ferite. Oh, è proprio il genere di persone a cui affiderei i miei figli. Del resto, perché lasciare che i ragazzi girino per le strade quando possono correre gli stessi rischi in una caserma, ma almeno al caldo ed al riparo dagli agenti atmosferici? (non da quelli in carne ed ossa purtroppo)

Il classico esempio di morte per cause naturali
Caso Cucchi: Si stirano i tendini a causa del dito medio, denunciano la famiglia

“Se uno ha disprezzo per la propria condizione di salute, se uno conduce una vita dissoluta, ne paga le conseguenze” ha dichiarato il Segretario Generale del SAP Tonelli, con un accanimento nei confronti della famiglia della vittima che nemmeno Galeazzi davanti ad una bistecca o un Monsignore davanti ad un chirichetto. Ma ecco che arriva la svolta: a quanto pare la denuncia per istigazione all'odio non è l'unica denuncia in arrivo per Ilaria Cucchi, ma ce n'è un'altra in rampa di lancio.

Un drappello di gentiluomini mostra rispetto alla famiglia della vittima
Caso Cucchi: Si stirano i tendini a causa del dito medio, denunciano la famiglia

No, quella che vedete non è la foto di alcuni poliziotti che mandano a fanculo la famiglia di un ragazzo morto, vi state sbagliando. È un semplice sfogo, siete voi che avete capito male. La notizia del giorno è che uno dei poliziotti si è stirato il tendine dell'avambraccio mentre era intento a sfogarsi legittimamente per la tensione accumulata attendendo il responso dei giudici e dovrà portare un tutore per dieci giorni. Per questa ragione ha citato in giudizio per danni Ilaria Cucchi, che è ovviamente responsabile dell'accaduto. “Se non mi avesse denunciato, non avrei dovuto mandarla a fanculo e non mi sarei stirato il braccio” ha dichiarato il poliziotto.

Giovanardi ci parla di un particolare tipo di anoressia che non solo ti fa dimagrire ma esce dal tuo corpo e ti picchia
Caso Cucchi: Si stirano i tendini a causa del dito medio, denunciano la famiglia

Abbiamo provato a rintracciare l'ex Senatore Carlo Giovanardi, esperto della vicenda, per sapere cosa ne pensasse, ma la famiglia ci ha detto che si è chiuso in bagno subito dopo la sentenza e non ne è più uscito. Ne intuiamo il motivo. Ad ogni modo l'unica verità è che un ragazzo è morto pieno di ecchimosi e fratture ed al momento non ci sono colpevoli, probabilmente per omertà e corporativismo all'interno dello Stato. All'interno di questo pezzo, alcuni fatti sono veri ed altri falsi, ma quelli veri non sono meno incredibili di quelli inventati ed è questa è la tragedia.

Il commovente omaggio di Makkox nella puntata di Gazebo del 2 novembre
Crediti: Mattia Moro, web