Bufale online: I dieci consigli infallibili per non cascarci più (CLICCA QUI)

Le migliori bufale online
Ecrit par

IL CORRIERE DELLA RESA - La rete è un'infida creatura spesso piena di ogni sorta di contenuto. Come distinguere le notizie vere dalle bufale? Ecco a voi il prezioso ed insostituibile decalogo per non cascarci più.

Come disse Umberto Eco “Soltanto i gabbiani osano volare più in alto delle convenzioni”, ma non è soltanto di questa bufala che parleremo in questo articolo, visto che il celebre semiologo non ha mai detto la frase virgolettata. Il problema delle bufale online è molto sentito ed è davvero difficile, spesso, riuscire ad intuire in tempo che il contenuto che Facebook vi sta proponendo sia una colossale panzana. La problematica investe ovviamente per primo il settore dell'informazione, visto che spesso giornali molto quotati cadono in tranelli clamorosi, ma considerando l'importanza della vita social per tutti noi, non è certo agevole presentarsi al bar poco dopo aver fatto un'enorme figura di merda per aver postato un link che parlava della sensazionale scoperta del gene della modestia nel DNA di Matteo Renzi. Per facilitarvi la vita, in ogni caso, ecco il decalogo del Corriere della Resa che vi aiuterà a districarvi nel mondo delle bufale.

Il decalogo anti-bufala

1) Come prima cosa, leggete da dove proviene l'articolo. Se l'URL del link è www.stocazzo.it, probabilmente non è così vera la storia che state leggendo.

2) Valutate sempre se nell'articolo siano riportate o meno delle fonti riscontrabili ed attendibili. Dichiarazioni di un generico "esperto" non hanno valore, se non sono riportati esattamente nome e cognome dello specialista di cui si parla, come mi ha riferito un noto esperto.

3) Quando trovate un link, cercate di capire se chi ve l'ha proposto sia andato oltre il titolo. Secondo una ricerca, infatti, il 70% dei link viene condiviso o commentato dopo la semplice lettura del titolo. Visto che il 70% di coloro che vedranno l'articolo lo condivideranno senza aprirlo, è inutile che io finisca questa fras

4) No, capisco che possa sembrare incredibile ma il succo di limone non cura il cancro. Nemmeno se aggiungete il bicarbonato.

Se non ce l'ha fatta lui, come pensate ce la possa fare il succo di limone?

5) Se è roba religiosa, lasciate proprio stare.

6) Alcune trasmissioni televisive sono fatte per parlare di storie non vere: Voyager non è Quark ed allo stesso modo sappiate che state vedendo un prodotto di fiction se accendete il televisore su Mistero, Miracoli o sul TG4.

7) Scrivere uno stato su Facebook in cui dichiarate di voler proteggere la vostra privacy non impedirà che le multinazionali si fottano i vostri dati personali a fini commerciali, anzi. Se possibile saranno più felici nel farlo.

Forse c'è ancora una piccola speranza

8) In politica, sappiate che i media vicini a determinati partiti tenderanno ad incensare eccessivamente i rispettivi leader. Per questa ragione non è il caso di fare troppo affidamento su ciò che Radio Padania dice di Salvini, su ciò che Rete 4 dice di Berlusconi oppure su ciò che Libero ed Il Giornale dicono di Renzi.

9) Nella pagina di Beppe Grillo, con ogni probabilità, dietro al titolo enfatico c'è un video di uno che gratta il parmigiano per dieci minuti. Non cliccate.

10) Non credete mai a nulla che provenga dal Corriere della Resa.

Crediti: Prof. Guido Saraceni, web