Brandalism: La pubblicità sovversiva che conquista Londra

Brandalism
Ecrit par

La Gran Bretagna è la regina del Guerilla Marketing. “Brandalism”, un progetto pubblicitario che vede impegnati 24 artisti provenienti da diverse parti del mondo, ha ormai conquistato il mondo. Scopri di più di melty.it.

“Brandalism” è già stata definita come la più grande campagna di subvertising della storia della Gran Bretagna. L’obiettivo del progetto è quello di sovvertire la pubblicità tradizionale, come lo stesso termine inglese suggerisce, svelando ai consumatori ciò che c’è dietro l’enorme e potente industria pubblicitaria. Si tratta di una campagna che vede coinvolti 24 artisti di 8 paesi differenti, 37 luoghi in 5 diverse città e 50 billboard, modificate per l’occasione dalla Crew durante un lungo viaggio durato ben 8 mesi. Il gruppo conta la partecipazione di artisti provenienti da differenti discipline: street art, graffiti, fotomontaggi, illustrazioni e culture jamming.

Rubando i cartelloni pubblicitari destinati a importanti brand, la crew di “Brandalism” ha revisionato numerosi spazi, alimentando il dibattito che da anni vede coinvolti la grande industria consumistica e gli esponenti del Guerilla Marketing. Tra le marche più importanti implicate troviamo la Nike, McDonald, Peugeot, Opel e le stesse Olimpiadi di Londra. Numerosi cartelloni mettono in guardia i consumatori britannici, a partire dalla bara in codice a barre, clienti zombie che entrano ed escono da un famoso negozio o personaggi della Disney trasformati in lavoratori sfruttati e sottopagati. Le immagini sono disponibili sul sito di Brandalism, all’interno del quale è possibile trovare anche la spiegazione dell’intero progetto. E se non siete ancora stanchi di pubblicità virale, potete guardare lo spot che Nutella ha realizzato copiando quello della Coca Cola.

Crediti: web